I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Via ferrata Masarè sulla Cresta di Masarè

Nova Levante Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Via ferrata Masarè sulla Cresta di Masarè

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    4:15 h
  • Distanza
    6.0km
  • Dislivello
    420 m
  • Dislivello
    420 m
  • Altitudine Max
    2537 m
Accesso facile, discesa relativamente breve e assicurata nella parte iniziale. I corti passaggi non assicurati sono da percorrere camminando sulla ferrata, soprattutto sul lato ovest del percorso in salita perché a inizio stagione possono essere infidi per la neve fresca o quella residua. La qualità dei cavi dacciaio, in parte vecchi e sottili spesso lascia a desiderare.

Itinerario


Caratteristiche: i continui saliscendi della via ferrata richiedono a chi l'affronta una buona dose di resistenza fisica. Si tratta di superare i rilievi lungo la cresta, con roccia di buona qualità e abbondanti prese.

Accesso alla ferrata: dal Rifugio Paolina (aperto da giugno a metà ottobre) dirigersi verso il monumento a Christomannos lungo il sentiero n. 539 e proseguire sino al Rifugio Roda di Vael. Presso il rifugio si trovano chiare indicazioni per accedere alla ferrata Masarè; lo stesso vale per il bivio successivo (Via ferrata Masarè) Difficoltà: non offrendo la via appoggi artificiali, i continui saliscendi di questa arrampicata in cresta, con passaggi su roccia verticale, richiedono all'alpinista una buona condizione fisica, notevole forza di braccia e passo sicuro. Particolari tecnici: salita molto complessa, in parte molto aerea, che si snoda lungo la Cresta di Masarè. La ferrata, a parte alcuni brevi tratti di sentiero normale, è completamente assicurata con cavi dacciaio; i tratti più ripidi inoltre si superano grazie ad appoggi artificiali. Tipologia del percorso: 90% cavo dacciaio, 10% sentiero.



Dislivello complessivo in salita: 595 m, 3:00-3:30 ore.



Dislivello fino all'attacco della ferrata: 460 m, 1:45 ore.



Dislivelli ferrata: circa 120 m salita e circa 160 discesa, 1:30-2:00 ore.



Discesa: usciti dalla ferrata, risalire il pendio erboso in direzione della Torre Finestra. Direttamente lungo il bordo roccioso traccia ben segnata verso il rifugio Roda di Vael/Rotwandhütte (cavi dacciaio, scala). Di là, percorrendo in senso inverso il sentiero di accesso, si ritorna al Rifugio Paolina. 1:15 ore per l'intera discesa.

Variante

Invece di scendere in corrispondenza della Torre Finestra, si può allungare l'escursione puntando alla cima della Roda di Vael/Rotwand. Superato un altro passaggio molto esposto sopra la Torre Finestra, si giunge prima in un canalone e poi alla via d'ascesa alla Roda di Vael. Lungo il canalone, una ferrata segnata e parzialmente assicurata porta dal Rifugio Roda di Vael alla cima. Di là si scende per la cresta nord, anche essa assicurata, fino al passo Vajolon, per poi tornare al Rifugio Paolina. Tempo di percorrenza Torre Finestra Rifugio Paolina: 3-31/2 ore.

Inizio dell'itinerario

Rifugio Paolina, 2125 m. Salita in seggiovia; apertura estiva: dal 26/5 al 16/10, dalle 8.00 alle 12.15 e dalle 13.30 alle 18.00, eventualmente 17.30. Informazioni su www.fassa.com

Arrivo dell'itinerario

Specificazione

Vedi Variante

Parcheggio

Parcheggio presso la stazione a valle della seggiovia Rifugio Paolina, poco più in basso del Passo di Costalunga - Karerpass

Trasporto pubblico

Servizio pubblico da Bolzano fino a Costalunga.

Arrivo

Si percorre la Val d'Ega fino alla stazione a valle della seggiovia Rifugio Paolina, poco più in basso del Passo di Costalunga - Karerpass

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

  • Dummy Avatar

    Paolo Tonini

    ferrata fatta il 08/08/14,tecnicamente di media difficoltà bello sviluppo con un panorama(nebbia a parte) stupendo. come da molti consigli è meglio fare il percorso in senso anti orario ignorando le varie recensioni per il fatto che tecnicamente le difficoltà si trovano all'inizio, attenzione alla segnaletica poco chiara e in alcuni posti scarsa soprattutto in casi di poca visibilità. chi poi vuole fare concatenamento con Roda di Vael consiglio di leggere bene i cartelli esposti al rifugio RdiV. altrimenti si rischia di perdere tempo e strada

  • Dummy Avatar

    Hansjörg Morandell

    Super zu kombinieren mit dem Rotwand Klettersteig, empfehle aber die Runde im Uhrzeigersinn. Das heisst, von Paolina aus links gehen Richtung Vaiolon Pass, dann Rotwandklettersteig und im Anschluss, da kann man dann auch seine Kräfte noch abschätzen, den Masare machen. Ahctung der Masare ist ungleich schwieriger als der Rotwand Klettersteig! Alles in allem eine der beeindruckendsten Routen die man hier bei uns gehen kann!

Mangiare & Bere

Natura

Cultura

Alla Homepage