I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Val Martello

Lungo il rio Plima

"Schianbliamltol" così gli abitanti della Val Martello chiamano affettuosamente la loro valle. L'opinione che questo sia il nome dialettale per "Valle dei Bei Fiori" è molto diffusa e comprensibile, ma è sbagliata.

Anche se la valle è immersa nel Parco Nazionale dello Stelvio, il termine non si riferisce al bellissimo paesaggio. "Schianbliamltol" deriva dal "Plima", il rio che attraversa la stretta valle. Il rio origina a fondovalle ai piedi dell’imponente ghiacciaio del Gruppo del Cevedale. Monumentali pareti di roccia e ghiaccio si protendono verso il cielo. Il massiccio s’innalza fino a quasi 4000 metri, e offre agli escursionisti, agli sci-alpinisti e agli appassionati d’arrampicata su ghiaccio un paesaggio naturale di drammatica bellezza.

Da qui il fiume si dirama in piccole rapide fino al Lago di Gioveretto. Il lago si distende fra boschi di larici e pascoli. Sentieri escursionistici dipartono da qui portando fino a rifugi storici, come il rifugio Nino Corsi o il rifugio Martello. Il torrente scorre formando quasi una linea retta attraverso la valle, stretta fra ripidi pendii. Grand, Ennethal e il capoluogo della valle Meiern sono reconditi paesi della valle. Con il passare dei secoli gli antichi masi contadini ed il paesaggio culturale si sono integrati in modo armonioso con il panorama circostante.

Sui pendii le coltivazioni di fragole la fanno da padrone. Già 50 anni fa si iniziarono a coltivare questi deliziosi frutti rossi. Al giorno d’oggi la fragola della Val Martello è molto apprezzata e per questo motivo annualmente si festeggia e si onora questo piccolo, dolce frutto con la “Festa delle fragole dell’Alto Adige”. Tradizione, usanze, folclore e costumi sono parte integrante della vita quotidiana dei residenti. Il Centro Visite del Parco Nazionale "Cultura Martell", a Trattla, riflette e racconta la storia tormentata della valle, dalla cultura contadina, alle leggende e dell’amor per la patria e delle particolari caratteristiche degli abitanti della Val Martello.

Alla Homepage