I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Tempo libero

Vino & Specialità

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Rifugio Europa

St.Jakob/Pfitsch - San Giacomo/Vizze, Haus-Nausr. 78 Aggiungi alla lista dei preferiti
Alla homepage
Telefona +39 0472 646076
Richiesta non impegnativa
ritorna

Rifugio Europa

St.Jakob/Pfitsch - San Giacomo/Vizze, Haus-Nausr. 78

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie
  • Nel cuore del verde, tra le montagne, si trova la Malga Pontelletto/ Puntleider Seealm, che vi delizierà in tutto e per tutto.
    Malghe & Baite

    Malga Pontelletto

    Fortezza
  • Rifugi

    Baita Großberghütte

    Rio di Pusteria
  • La baita Edelweisshütte a Fleres è aperta anche d'inverno.
    Rifugi

    Baita Edelweisshütte

    Fleres
  • Gli ospiti e gli escursionisti vengono accolti amichevolmente al rifugio Wieserhütte nel mondo montano di Maranza. Qui ci si sente a proprio agio e in buone mani.
    Rifugi

    Rifugio Wieserhütte

    Rio di Pusteria
  • Un amato rifugio a Funes, la malga Zanser. 
    Rifugi

    Rifugio Albergo Zanser Alm

    Funes
  • Un rifugio tradizionale e ideale per chi ama il rusticale. Il Rifugio Genova.
    Rifugi

    Rifugio Genova

    Funes
No grazie

Informationen zu Rifugio Europa


È situato sulla cresta Sud Ovest della Gerla, tra la Val di Vizze (Italia) e la Vennatal (Austria), a cavallo della linea di confine ed è ideale come punto di partenza per escursioni d'alta montagna.

Davvero singolare e, forse, unica la storia di questo rifugio. Esso venne costruito sul finire del secolo scorso dalla sezione dell'Alpenverein di Landshut, antica città ducale della bassa Baviera. Dopo aver provveduto alla costruzione del sentiero di accesso, l'alta via di Landshut, nell'estate del 1887 fu dato il via ai lavori. Il rifugio, costruito proprio sullo spartiacque, fu inaugurato nell'agosto del 1899. Tre anni dopo, in considerazione del notevole afflusso di alpinisti, il rifugio venne ampliato.

Scoppiata la prima guerra mondiale il rifugio venne abbandonato. Per uno dei tanti capricci della storia, con il trattato di St. Germain il rifugio venne spaccato in due dal passaggio della linea di confine. E così due terzi del manufatto si vennero a trovare in territorio italiano e l'altro terzo in territorio austriaco.

I dirigenti dell'Alpenverein di Lanshut si incontrarono con quelli del CAI di Vipiteno e nel 1984 furono avviate concrete trattative di collaborazione, alimentata da uno spirito montanaro autentico, intriso di solidi sentimenti europei. E così il rifugio è stato ricostruito e solennemente inaugurato nel settembre del 1989 e rinominato rifugio Europa.

La movimentata storia del rifugio ha trovato un lieto fine e così oggi il grande rifugio, con oltre 90 posti letto viene condotto dalla famiglia Holzer. Con grande affetto viene dato il benvenuto all'escursionista, la cucina offre varie prelibatezze della cucina tradizionale tirolese accompagnato da pregiati vini.

Storia molto interessante e ricca di avvenimenti

Il miglior sonno

Cosa cè di meglio che coricarsi dopo lunghe escursioni nei giorni di sole in una stanza o un dormitorio nel rifugio. Il rifugio Europa offre la possibilità di alloggio da semplici stanze a camerate più economiche. 

Accogliente calore quando fuori l'aria nottura fa rabbrividire

Assaporate i gusti alpini

Gustate i sapori della cucina tirolese arricchita con qualche specialità mediterranea. Ovviamente accompagnato da un bicchiere di vino rosso corposo o un delicato bianco, oppure da una bella birra schiumeggiante e rinfrescante. Cè sempre un bel menu arrampicatori per chi deve ritrovare energia.

Affamati?

Natura

Cultura

Escursionismo

Bici

Inverno

Alla Homepage