I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Trekking per la Gola dell'Orsara all'Alpe di Siusi

Tires Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Trekking per la Gola dell'Orsara all'Alpe di Siusi

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    7:30 h
  • Distanza
    18.1km
  • Dislivello
    1730 m
  • Dislivello
    1080 m
  • Altitudine Max
    2567 m
Lungo trekking che appaga con panorami da incanto. Soggiornando in rifugio si vive l'esperienza d'un alba fra le Dolomiti

Itinerario


Punto di partenza per questo trekking è il parcheggio di Lavina Bianca – Weisslahnbad, all'imbocco della Valletta Ciamin – Tschamintal a 1200 m. Il primo tratto molto ripido (segnavia n. 2) porta per un bosco di abeti alla Gola dell'Orsara – Bärenfalle. Prima di salire per questa gola scoscesa alla Sella Tschafatsch (2069 m) si passa accanto a una grotta che ricorda un sito di culto preistorico. Nella gola esistono diverse passerelle esposte. Usciti dalla gola, si prosegue verso est lungo il sentiero n.2 ai prati d'alta quota. Con un'ampia curva si aggira la cappella di San Cassiano e si raggiunge il rifugio Bolzano a 2457 m. Volendo, si potra fare una puntata sul retrostante colle detritico di Monte Pez (2568 m). L'escursione può proseguire verso la Cima di Terrarossa – (Roterdspitze 2655 m) lungo il sentiero n. 4 per il rifugio Alpe di Tires – Tierser Alpl. Ben presto giungiamo ad un bivio (2551 m): Il sentiero verso nord-est punta alla Cima di Terrarossa; a sud la traccia scende all'Alpe di Tires. Il nostro sentiero punta a sud e si ricongiunge al sentiero che sale dalla Valletta Ciamin. Dal bivio per la Cima di Terrarossa si raggiungera il rifugio Tierser Alpl in poco meno di ore 112. Da li si sale in pochi minuti alla Rosszahnscharte (Forcella Denti di Terrarossa) a 2499 m, con vista sul Gruppo del Saslonch e sulla Vallunga – Langental presso Santa Cristina in Val Gardena. Superata la Rosszahnscharte, si scendera rapidamente lungo un ghiaione ai prati dell'Alpe di Siusi, fino a quota 2205 m. Dopo una lunga traversata degli alpeggi (segnavia n. 2), a tratti anche su terreno paludoso, si giungerà all'hotel Panorama e a Compatsch. A Siusi si scende con la cabinovia.

Variante

Variante ferrata Maximilian: La Cima di Terrarossa - Roterdspitze è collegata al rifugio Tierser Alpl anche da una ferrata, denominata «Maximiliansteig». L'itinerario che porta alla Forcella Denti di Terrarossa lungo il crinale, è un percorso alternativo di notevole interesse, consigliato tuttavia solamente ad alpinisti esperti di roccia.

Seconda variante - punto panoramico Burgstallegg: a nord del Monte Pez si trova il rilievo di Burgstall (Monte Castello), rinomato punto panoramico con vista sulle Torri Euringer (2394 m) e Santner (2413 m) e sugli abitati di Castelrotto e Siusi. Nelle vicinanze sono state individuate tracce di un castelliere preistorico.

Inizio dell'itinerario

Lavina Bianca - Weißlahnbad

Arrivo dell'itinerario

Compatsch

Parcheggio

Weißlahnbad (Lavina Bianca)

Trasporto pubblico

Servizio pubblico da Bolzano per Tires quindi proseguire per San Cipriano - St.Zyprian

Arrivo

Dalla Vall’Isarco raggiungere Prato all’Isarco poi svoltare in direzione Alpe di Siusi - Tires e proseguire fino a  Lavina Bianca - Weißlahnbad

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

 

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Natura

Cultura

Altrui

Alla Homepage