I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Trekking al Piz Boè

Corvara in Badia Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Trekking al Piz Boè

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    6:30 h
  • Distanza
    12.9km
  • Dislivello
    1130 m
  • Dislivello
    2120 m
  • Altitudine Max
    3150 m
Il baluardo della Ladinia. Una delle cime più rinomate delle Dolomiti di conseguenza anche una delle più trafficate

Itinerario


Da San Lorenzo in Pusteria si percorre l’intera lunga Val Badia fino a Corvara (1555 m). Giunti in cabinovia al Crep de Mont (2152 m), si passa sul sentiero 638 alla Ütia (rifugio) Kostner (2500 m). Poco dopo si svolta a destra sul sentiero 672, che porta su ghiaione all’inizio della via attrezzata «Lichtenfelser Weg» (indicazione). Sulle erte rocce, munite di corde fisse di assicurazione, si sale a lungo fino a toccare la vetta del Piz Lech Dlacé (3009 m). Si scende sulla cresta ad un intaglio (2975 m), rimontando poi la Cresta Strenta (3120 m). Procedendo verso sud (passaggio con corda fissa) e toccando la Forcela dai Ciamorces (3110 m), si conquista in breve la cima (3152 m, Capanna Fassa; ore 2.30 almeno dalla cabinovia). Si torna sulla via dell’andata in tempo minore. Variante di ritorno: si scende all’ultima forcella della salita, ove si gira sul sentiero di sinistra; al bivio si va a destra (più facile) o a sinistra (breve via ferrata), giungendo comunque al rifugio Boè (2871 m). Si continua a sinistra sul sentiero 647; passando sulla cime dell’Antersas (2907 m), oppure a sinistra sul suo fianco ovest (un tratto su via ferrata esposta), si gira poi a destra sul sentiero 666, che supera un costone (2970 m) per poi scendere ad una conca (2800 m) in Val de Tita; a destra su ghiaioni o a sinistra su via ferrata, si arriva comunque alla Ütia dl Pisciadù (rifugio Cavazza), accanto ad un bel laghetto alpino (2585 m; ore due dalla cima). Si prosegue verso destra (est) sul sentiero 676, prima con breve salita e poi con discesa in parte su via attrezzata, fino alla Val de Mezdì. Sul sentiero 651 si cala finalmente al fondovalle, e su stradina verso destra si arriva a Corvara (ore 2 dal rifugio Pisciadù).

Inizio dell'itinerario

Al parcheggio della cabinovia Crep de Mont a Corvara

Arrivo dell'itinerario

Al parcheggio della cabinovia Crep de Mont a Corvara

Specificazione

Affrontare la via di discesa alternativa soltanto con ottime condizioni estive; data l’esposizione a nord, si incontrano talvolta resti di neve.

Parcheggio

Parcheggio presso la cabinovia Crep de Mont a Corvara

Trasporto pubblico

Servizio pubblico da Brunico fino a Corvara

Arrivo

Da Brunico proseguire fino a Corvara

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

 

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

  • Avatar di Marco Bianco

    Marco Bianco

    La salita è piuttosto facile, per la discesa munirsi di bastoncini. vi sono un paio di sentieri attrezzati (non vie ferrate vere e proprie ma possono comunque provocare nei non esperti crisi di panico) Variante per la discesa dal Pisciadù il sentiero attrezzato 666, lungo pezzo con cordino e lungo pezzo su ghiaione, poi si prende il sentiero 29 e ci si ricollega al 651. ci abbiamo messo in totale 11 ore di cui 9 di cammino. (pianissimo su sentieri attrezzati) il paesaggio è spettacolare

Dove dormire

Natura

Cultura

Alla Homepage