I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Cima Bianca Grande, 3278 m (variante 3, tappa Alta Via di Merano)

Senales
difficile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Cima Bianca Grande, 3278 m (variante 3, tappa Alta Via di Merano)

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    10:00 h
  • Distanza
    12.5km
  • Dislivello
    1490 m
  • Dislivello
    0 m
  • Altitudine Max
    3188 m
La Cima Bianca Grande è situata al confine dell'Austria. Sulla cima i confini dei comuni Parcines, Moos in Passiria e Senales si incrociano. La particolarità della Cima Bianca Grande e i suoi vicini, la Cima Bianca Piccola e della Cima Fiammante è il sasso calcare che si si vede già da lontano.

Itinerario

Dalla Malga Vorderkaser si segue l'Alta Via di Merano, toccando la Malga Mitterkaser, la Malfa Rableid (pernottamento) e il Maso Eishof fino al Passo Gelato. Poco prima del Rifugio Petrarca, subito dopo il Passo, svoltare a destra e scendere al piccolo laghetto.Seguire il versante sterrato fino ad un masso su ca. 2060 m. Attraversare la cresta (a tratti grande roccie piatte) verso il Passo della Grava che si costeggia a destra. Ad una torre rocciosa ha inizio la ripida discesa all'ampia forcella al di sotto del versante settentrionale della Cima Bianca Grande. Attraversare i detriti del versante (omini di sasso e gradini) fino in cima. Ritorno lungo il medesimo itinerario.

Variante

Discesa alternativa: Dalla cima si ritorna all'ampia forcella, quindi si scende verso nordovest (non c'è sentiero, omini di sasso) alla Val di Fosse fino di raggiungere un sentiero, che conduce al Passo Gelato. Si segue questa strada verso sinistra al lago ghiacciale e fino ad un bivio. Svoltare a destra e scendere all'Alta Via di Merano per fare ritorno al punto di partenza.

 

Consiglio: escursionisti con esperienza possono anche salire lungo questo itinerario. È più breve.

Inizio dell'itinerario

Malga Vorderkaser

Arrivo dell'itinerario

Malga Vorderkaser

Specificazione

Difficoltà: Solo per escursionist a passo sicuro, che non soffrono di virtigni e che sono in forma. Condizioni meteorlogiche stabili ed esperienza alpina sono richiesti. 

Il nome della montagna fu nominato per la prima volta nel Atlas Tyrolensis, che fu scritto tra il 1760 e il 1770, nel quale ebbe il nome Hochweis Spiz (cima alta bianca). Il nome si riferisce ovviamente al colore scuro della montagna, magari si riferisce anche al versante settentrionale, che durante l'anno fu coperto di ghiaccio. Non cè più traccia del ghiacciao, solo nella forcella tra la Cima Bianca Grandeed il Passo della Grava si possono vedere i resti del ghiaccio. Il Monte Grubferner è da torvare solo sulle carte geografiche più vecchie. Il sentiero attraverso il Monte Grubferner di una volta è un'ottima scorciatoia sia per salire dalla Val di Fosse o per scendere alla stessa. Il sentiero non è marcato e quindi da consigliare solo ad alpinisti versati, che sanno orietarsi nello spiazzo aperto alpino. Gli omini di sasso sono un aiuto all'orientamento. La prima ascensione della Cima Bianca Grande avvenne nel 1871, eseguito da Victor Hecht e Rochus Raffeiner. Oggigiorno porta un sentiero dal Passo Gelato verso sud attraverso il Passo della Grave tra il Monte Schnalsberg e la Cima Grava, e in seguito nel bacino a attraverso il versante settentrionale in cima. Il versante e libero di ghiaccio eneve durante i mesi estivi, un ripido tracciato si snoda attraverso il verso fino al punto massimo.

Parcheggio

Malga Vorderkaser

Trasporto pubblico

In da Merano a Naturno e in autobus fino a Certosa. 

Arrivo

Attraverso la Val Venosta verso Naturno e fino alla Valle Senales. Al bivio verso la Valle di Fosse al di sotto del borgo Certosa. Attraverso la valle fino a poco prima della Malga Vorderkaser 

Parcheggio a pagamento.

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire

Natura

Cultura