I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

50 Cima di Valsorda, 2287 m – Vanoi

Primiero e San Martino di Castrozza
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 50 Cima di Valsorda, 2287 m – Vanoi

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    5:15 h
  • Distanza
    10.8km
  • Dislivello
    1220 m
  • Dislivello
    1230 m
  • Altitudine Max
    2269 m
Tranquilla escursione prettamente autunnale in ambiente isolato e solitario. A caratterizzare la salita è una lunga mulattiera militare che giunge fin presso la vetta! Montagna eccentrica e spesso trascurata che, oltre ai resti di opere belliche, offre anche un esteso panorama!

Itinerario

Dal tornante si segue verso nord una ripida strada di sassi e cemento fino ad incrociare una forestale. A q. 1152 m si entra in Val Zortei (indicazione) e sempre per strada cementata si arriva alla Cappella di S. Antonio (1250 m). Seguendo i segnavia si superano alcuni fienili (ruderi) e, lungo splendida mulattiera nel bosco, si giunge a q. 1800 m dove si esce in campo aperto. Oltre un punto panoramico sulla Val Zortei e Cima d’Asta si continua sul fianco ovest della montagna (costa erbosa) fino alla Forcella di Valsorda (2094 m, vista sul Lagorai orientale). Si prosegue a sinistra seguendo il lungo crinale solcato da una trincea ancora in ottimo stato; successivamente fra i massi si raggiunge la sommità di Cima di Valsorda, modesta elevazione con splendido panorama (Cima d’Asta, Lagorai, Pale, Folga-Scanaiol, Le Vette). Per il rientro si torna alla forcella per imboccare il segnavia 390 (mulattiera) che in direzione sud-est e a mezza costa porta ad un valico a sud di Cima Folga (2084 m). Quindi a destra (sud-est) per bella cresta erbosa, fino alle quote 2146 e 2141 m del Monte Coston (bella vista sul Lago Schener). Si continua per la cresta verso sud fino ad una croce dominante la conca di Canal S. Bovo e Zortea (A.N.A. Zortea, q. 2030 m). Quindi per i ripidissimi pendii erbosi del versante ovest si cala in località Boaletti dove, fra radi larici, si raggiunge una traccia che s’addentra nel bosco verso sinistra (q. 1500 m ca.). Questa diviene ben presto un ottimo sentiero (non segnato) che, con varie svolte, porta dapprima a due nuove baite, poi sulla sottostante strada seguita in salita (segnavia 344); quindi per l’itinerario dell’andata si torna a Mezzavalle.

Inizio dell'itinerario

Zortea, località Mezzavalle (tornante q. 1000 m, scarse possibilità di parcheggio)

Arrivo dell'itinerario

Zortea, località Mezzavalle

Parcheggio

Zortea, località Mezzavalle (tornante q. 1000 m, scarse possibilità di parcheggio)

Trasporto pubblico

Arrivo

uscita A22 di Trento, SS 47, uscita per Belluno, direzione Fiera di Primiero-Canal S. Bovo

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Cime solitarie del Trentino

Tab per le foto e le valutazioni