I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

45 Cima del Passetto

Bassa Valsugana
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 45 Cima del Passetto

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    6:30 h
  • Distanza
    0.0km
  • Dislivello
    0 m
  • Dislivello
    0 m
  • Altitudine Max
    n.a.
Fantastica escursione circolare in un ambiente selvaggio e solitario. Escursione montana estremamente panoramica in posizione centrale tra le cime delle Cime di Rava e di Tolvà, di fronte al massiccio della Cima d'Asta. Facile e non molto lungo anche il giro di ritorno attraverso la bella caldaia, in cui si trova il Rifugio Brentari. Lungo questa salita e nei dintorni solitari si può spesso osservare la selvaggina!

Itinerario

Seguire la strada forestale che porta alla Val Sorgazza fino a circa dieci minuti dopo, dove si gira a destra sul sentiero 386 (indicazione "Monte Coston e Rifugio Brentari"). Attraverso il versante orientale del monte (nella zona del Cengello Rosso), attraverso il bosco verso l'alto e numerosi tornanti, fino ai versanti erbosi verso l'alto (panorama unico). Raggiunta la vetta, si raggiunge in pochi minuti la vetta più alta del Monte Coston (2017 m), da cui si gode di una buona vista sulle Cime di Rava e di Tolvà. Proseguire lungo il semplice crinale erboso verso nord fino a raggiungere un crinale nel sud-est della Campagnassa. Dopo pochi metri di discesa, si cammina attraverso prati e cavità fino alla zona del Boal del Passetto. Dopo un ruscello e con vista su un'impressionante fenditura (a sinistra), si sale ripidamente fino al crinale per poi aggirare quasi uniformemente la Cima del Passetto (versante sud). Si sale ora verso la quota 2559 m, si lascia il sentiero e si sale su un ripido pendio erboso e ghiaioso. Con l'aiuto di una semplice traversata si supera una stretta fascia rocciosa e si raggiunge poi, tenendo la destra (ovest), la vicina vetta della Cima del Passetto (2589 m). Ottima la vista panoramica su Cresta di Socede, Cima d'Asta, Cima della Banca, Cresta delle Streghe, Cime di Tolvà, Palon della Banca, Campagnassa, Val Malene, Cime di Rava e la parte centrale del Gruppo Lagorai. In lontananza sono ben visibili la Marmolada, le Pale di San Martino, le Vette, la Cima Dodici-Ortigara, i Monti di Palù e il Gruppo del Brenta. La discesa porta lungo il sentiero 386 fino alla Forcella del Passetto (2495 m). Da lì si attraversano le grandi lastre di roccia (molti cairns) quasi pianeggianti a nord-ovest e si raggiunge così il Rifugio O. Brentari (2476 m – se la capanna è chiusa per motivi stagionali, c'è anche un campo invernale con sei posti letto). Seguire il sentiero (segnavia 327) attraverso le ripide lastre di granito a sinistra (Trodo dei Aseni – segnavia 327b). Arrivati all'ex Capanna dei Pastori (2131 m) si prosegue lungo il sentiero serpentino fino alla fine della valle (Bualon di Cima d'Asta), si supera la funivia materiale del rifugio (1647 m) e si ritorna al punto di partenza attraverso la Val Sorgazza.

Inizio dell'itinerario

Val Malene, parcheggio presso Malga Sorgazza (1430 m)

Arrivo dell'itinerario

Val Malene, parcheggio presso Malga Sorgazza (1430 m)

Parcheggio

Parcheggio presso Malga Sorgazza

Trasporto pubblico

Arrivo

Autostrada del Brennero A22, uscita Trento sud/nord. Attraverso la Valsugana via Strigno fino a Pieve Tesino

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Tab per le foto e le valutazioni

Natura