I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

17 Cima Loverdina

Val di Non
difficile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 17 Cima Loverdina

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    5:30 h
  • Distanza
    9.4km
  • Dislivello
    790 m
  • Dislivello
    780 m
  • Altitudine Max
    2288 m
Escursione piacevole e solo moderatamente ripida circolare in bassa quota, particolarmente consigliata durante lo scolorimento autunnale dei boschi. La salita, che in parte conduce su creste ariose ma semplici, è variegata e interessante. Inoltre, le cime poco appariscenti e appartate offrono un panorama eccellente.

Itinerario

Breve escursione su strada in direzione sud-ovest fino a Malga Arza (1507 m). Si prosegue nel bosco, lungo la strada forestale fino a quando la strada 330 si congiunge con la strada da destra (altezza 1550 m – segnavia). Il bel sentiero si inerpica comodamente attraverso la vegetazione rada fino all'ampia sella prativa della Malga Termoncello (1856 m – bellissima vista su Cima Loverdina e sull'imponente Pietra Grande). Poco dopo si scende verso la malga e poi si salgono ripidi pendii erbosi tra i pini mughi direttamente davanti. Seguendo le indicazioni sul versante nord del monte, lungo un sentiero poco visibile, si sale rapidamente in quota e si raggiunge facilmente la croce della Cima Loverdina (2237 m s.l.m.). Un'altura discreta con ottimi panorami sulle Val di Non, Valle e Cima dei Inferni, Val Stràngola, Lago di Tovel, Malga Termoncello, Cime Borcola, Sporata e Val Scura. Verso ovest sono visibili la Pietra Grande, il Corno di Flavona e la parte settentrionale del gruppo del Brenta. La discesa prosegue verso sud su un semplice terreno roccioso (sentiero segnato) prima di salire fino al punto più alto di uno sperone roccioso (breve passaggio esposto). La discesa sul versante opposto (di nuovo terreno roccioso) fino a un crinale erboso con pini cembri è molto ripida. Proseguire a sinistra sotto la Cima degli Inferni fino al Passo degli Inferni (2207 m – magnifica vista su Borcola e la Cima della Sporata). In direzione sud-ovest fino alla possibilità di salire fino al pendio sulla destra. Si abbandona il sentiero che, attraverso rocce e un ripido canale erboso, conduce dolcemente alla cresta della vetta (est). Senza difficoltà si attraversa il crinale, che diventa un po' più stretto verso la vetta, fino alla Cima degli Inferni (2240 m). Montagna solitaria e appartata con splendida vista su Loverdina, Cima Val Stràngola e Val Scuri. Dopo essere risaliti dalla cima al sentiero sottostante, seguirla in direzione sud-ovest fino ad avere l'opportunità di scendere, che conduce in modo relativamente comodo attraverso un burrone e prati verso est. Dal momento che Malga Campa (1978 m – bivacco sempre aperto) è già visibile dall'alto, è difficile perdere la discesa. Per il ritorno si prende il sentiero n. 370 verso nord, che dopo una breve salita ripida porta a Malga Campa (1978 m). Proseguendo verso nord lungo lo stesso sentiero si arriva ad una strada forestale che conduce all'alpeggio Malga Arza e al punto di partenza.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio a Malga Arza (1500 m)

Arrivo dell'itinerario

Parcheggio

Parcheggio a Malga Arza (1500 m)

Trasporto pubblico

Arrivo

Autostrada del Brennero A22, uscita San Michele all'Adige. Proseguire per Mezzolombardo e Denno fino a Cunevo. Dal centro si svolta a sinistra su strada asfaltata (cartello Malga Arza).

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire

Alla Homepage