I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

11 Cima Soran – Rossati

Giudicarie
difficile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 11 Cima Soran – Rossati

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    6:30 h
  • Distanza
    12.3km
  • Dislivello
    1360 m
  • Dislivello
    1370 m
  • Altitudine Max
    2418 m
Impressionante escursione circolare che si snoda su due cime selvagge e solitarie. Facile, ma lungo percorso di montagna con un dislivello relativamente grande, che conduce attraverso un paesaggio molto soleggiato e panoramico, in cui si incontra molto spesso un intero branco di camosci! Le due vette offrono una vista unica sulla parte centrale del Gruppo di Brenta e sul Lago di Molveno.

Itinerario

Dal parcheggio del rifugio si imbocca la strada, piacevolmente asfaltata, che attraversa il bosco fino a raggiungere in breve tempo il bordo dell'ampia terrazza pascoliva del Pian de Foschera (1391 m s.l.m.). Seguire una mulattiera attraverso i prati alpini a nord fino all'inizio della Val Dorè, nella zona di Prada (1541 m). Qui si svolta a destra (su una pietra, cartello C. Soran) e si sale lungo un sentiero che attraversa i prati in ripida salita fino alla cresta orientale della Cima Soran. Al centro del fondovalle si gira a sinistra verso il semplice crinale che scende in Val Dorè ed è dominato dalla Cima di Ghez. La facile salita lungo l'ampio crinale porta in cima alla Cima Soran (2397 m) senza difficoltà tecniche. Splendida la vista sul basso Lago di Molveno, sulla Paganella, sulla vetta dei Rossati e sulla Cima di Ghez. Impressionante è la ripida discesa sul versante nord-est, le cui ripide pareti cadono verticalmente contro la Busa da Dion. Dalla vetta si scende attraverso la facile cresta nord-occidentale fino al insellatura e da qui, attraverso una ripida cresta erbosa, si sale sulla cima del Rossati (2443 m). Da qui la vista è ancora più suggestiva e spazia dall'alta Val di San Lorenzo, il Dos di Dalun, il Monte Dion e il Monte Daino fino alla parte centrale del gruppo del Brenta. Il profondo panorama sul Lago di Molveno da solo compensa gli sforzi della salita! Il sentiero conduce dapprima al insellatura e da lì scende ripido nella Val Dorè (segnaletica isolata). Attraverso i campi di ghiaia si scende più a sud attraverso questa meravigliosa e solitaria valle, l'impero dei camosci. Poco prima della fine della valle si cammina lungo sentieri ben visibili sulla destra fino al crinale che scende dalla Cima di Ghez. Il sentiero prosegue attraverso l'invitante e soleggiata terrazza erbosa del Monte Prada fino a sotto il Passo Bregain, dove si incontra il sentiero poco segnalato n. 351. Prima attraverso il bosco e negli ultimi tratti lungo una strada forestale si ritorna al rifugio Rifugio Alpenrose.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio al Rifugio Alpenrose, 1069 m

Arrivo dell'itinerario

Parcheggio al Rifugio Alpenrose, 1069 m

Parcheggio

Parcheggio al Rifugio Alpenrose, 1069 m

Trasporto pubblico

Arrivo

Autostrada del Brennero A22, uscita Trento sud/nord. Proseguire per Sarche, San Lorenzo in Banale

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Tab per le foto e le valutazioni