Sentiero turistico Contenuto Premium

Pizzo Alto

Sentiero turistico · Valsugana, Lagorai, Tesino
Responsabile del contenuto
Athesia
  • Schmale Steige kennzeichnen das Wandern rund um den Lago di Erdemolo
    Schmale Steige kennzeichnen das Wandern rund um den Lago di Erdemolo
    Foto: Athesia
m 2200 2000 1800 1600 1400 10 8 6 4 2 km
media
Lunghezza 11,6 km
4:39 h.
895 m
895 m
2.290 m
1.531 m
Tra un lago d'alta montagna e numerosi ingressi alle miniereRobert Musil descrive la Fersental come una valle magica, in cui è stato brevemente stazionato come ufficiale al fronte durante la Prima Guerra Mondiale. Dopo il 1916 Musil fu direttore della "Südtiroler Soldatenzeitung" e nel 1922 scrisse la novella "Grigia", la cui trama si trova in questa valle: "Quando erano dentro, si trovarono in un posto strano. Egli pendeva sul retro di una collina; la mulattiera che li aveva condotti lì, letteralmente saltava da una grande pietra piana all'altra, e da essa scendeva lungo il pendio, serpeggiando come ruscelli, alcuni brevi, ripidi vicoli nei prati. Se vi eravate fermati lungo la strada, avevate solo trascurate e scarse case coloniche di fronte a voi, ma se guardavate dai prati sottostanti, pensavate di essere tornati in un villaggio pre-mondano, perché le case stavano con il fianco della valle tutto su alti travi, e i loro passi pendevano, un po' distanti da loro come gondole di palanquini su quattro sottili pali d'albero sopra l'abisso". Contrariamente all car sopra descritta, anche la ricchezza paesaggistica e culturale è evidente, e questo mostra un ampio spettro. Subito sotto l'uscita della valle sopra Serso, si trovano i resti archeologici che mostrano tracce di insediamento dei Reti risalenti al V secolo a. C. sulle colline leggermente sopraelevate. Attraversando la valle si possono ancora vedere antichi casali e alla fine della valle si trova il Lago Erdemolo, un gioiello naturale. Come un circolo a 2020 metri di altitudine, alimenta la Fèrsina, e già sulla salita si può intuire dai grandi massi la potenza che è stato in grado di sviluppare. Ad esempio, si può leggere in vecchi rapporti che le masse d'acqua che si spostavano dal lago alla valle al momento dello scioglimento della neve minacciavano anche la lontana città di Trento. Come segno particolare del lago è la lingua della neve, per lo più non drenante tutta l'estate, che lecca dalle pendici del Monte del Lago nel lago. Recentemente, questi resti di neve sono diventati sempre più piccoli - forse anche come segno di riscaldamento globale?

Dal parcheggio (ca. 1500 m) si svolta a destra attraversando la strada, segnavia 325 ed E5, nella valle in direzione Maso Erdemolo (1707 m). La strada originaria si trasforma gradualmente in un sentiero che, attraverso leggeri boschi di larici, conduce in una sella appena sopra il lago. In pochi minuti si possono raggiungere il lago e il Rifugio Erdemolo (1997 m) appena sopra la riva. Il sentiero conduce dalla sella leggermente a destra e segue il crinale nord-ovest fino a Pizzo Alto (2264 m). Da Forcella del Lago (2213 m) appena sotto di essa, il sentiero prosegue verso nord, oltrepassando il crinale, attraversando Monte del Lago (2237 m) e proseguendo fino al Passo Forcella di Conelle (2198 m). Seguendo l'indicazione 343, la discesa in Val di Cave rimane sulla sinistra, fino al Sasso Rosso (2310 m) e alla Forcella Sasso Rotto (2396 m). Dal crinale si attraversano le pendici occidentali del Sasso Rotto e della Cima di Sette Selle per poi scendere al Rifugio Sette Selle (2014 m). Dal

Accedi al percorso con PRO+
Con PRO+ hai accesso a tutti i dettagli del percorso, incluse direzioni, foto, tracciato GPS e altre informazioni utili.

Sei già registrato? 

Contenuto Premium I percorsi Premium sono creati da autori ed editori specializzati.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

Condividi la tua esperienza

Aggiungi il primo contributo della Community


Foto di altri utenti