Crea percorso fino qui Copia il percorso
Sentiero escursionistico Percorso consigliato

Sentiero d'alta quota delle Dolomiti 10

Sentiero escursionistico · Bolzano e dintorni
Responsabile del contenuto
Outdooractive Editors Partner verificato 
  • Hocheppan
    Hocheppan
    Foto: Helmut Dumler, Gerhard Hirtlreiter, Eugen E. Hüsler, Bergverlag Rother GmbH
m 3000 2500 2000 1500 1000 500 -500 250 200 150 100 50 km
Il sentiero d'alta quota n. 10 delle Dolomiti parte da Bolzano e termina sulle rive del Lago di Garda, a Gardone Riviera. Il percorso attraversa le zone montuose a ovest della Valle dell'Adige.
difficile
Lunghezza 251,6 km
95:12 h.
14.461 m
14.646 m
2.782 m
75 m

Il percorso, lungo circa 200 km, è il più lungo sentiero d'alta quota delle Dolomiti. In questo tour, molto vario e bello dal punto di vista paesaggistico, si attraversano sia la cresta della Mendola che il gruppo del Brenta e le Alpi della Val di Ledro. 

Non essendoci pernottamenti in alcuni punti, è necessario affrontare alcune tappe molto lunghe. Ci sono anche grandi differenze di altitudine da superare. L'esperienza di arrampicata è necessaria per conquistare alcuni passaggi del livello di difficoltà I, che tuttavia possono essere aggirati anche per vie più facili se necessario. Il sentiero viene solitamente percorso in 18-21 giorni, da alpinisti esperti e con il bel tempo eventualmente in un tempo più breve.

 

 

 

Consiglio dell'autore

Uno dei punti salienti del percorso è il tratto tra le valli del Sarca e di Ledro.
Immagine del profilo di Johanna Michel
Autore
Johanna Michel 
Ultimo aggiornamento: 31.08.2018
Difficoltà
difficile
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
2.782 m
Punto più basso
75 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Indicazioni sulla sicurezza

  • Il sentiero d'alta quota può essere consigliato solo agli alpinisti perseveranti con sufficiente esperienza alpina. In alcuni punti ci sono passaggi di arrampicata di livello di difficoltà I, ma possono essere evitati su sentieri meno impegnativi. Sono richiesti passo sicuro e capacità di orientamento!
  • C'è il rischio di caduta di sassi sui fianchi ripidi delle montagne e sulle salite assicurate! 
  • Si consiglia cautela dopo piogge prolungate, con neve residua e ghiaccio all'inizio dell'estate, nonché in caso di nebbia e temporali!
  • Si sconsiglia l'ascesa in solitaria.

Partenza

Bolzano (278 m)
Coordinate:
DD
46.518883, 11.233746
DMS
46°31'08.0"N 11°14'01.5"E
UTM
32T 671338 5154125
w3w 
///trovalo.ripida.pancia
Mostra sulla mappa

Arrivo

Gardone Riviera Lago di Garda

Direzioni da seguire

Stadio 1: Bolzano - Andriano

 

Questa prima tappa del percorso è percorribile in autobus, treno o taxi. Il percorso vero e proprio inizia nel villaggio di Andrian.

 

Stage 2: Andrian - Perdonig

 

Questa tappa dura circa 2,5 ore e conduce alla frazione di Perdonig. L'alloggio deve essere prenotato in anticipo in ogni caso; se è al completo, questa e la fase successiva saranno completate in un'unica soluzione. Prendiamo la strada verso Appiano fino a un bivio. Lì prendiamo il sentiero n. 2 fino a raggiungere la Kreidenturm, alta 23 metri. Raggiungiamo una strada forestale (sentiero n. 9) e saliamo fino alle rovine di Hocheppan. Proseguire in salita fino a un bivio. Giriamo a sinistra e raggiungiamo il lato sud dello Steinberg. Scendiamo ancora e raggiungiamo la strada Eppan - Gaid. Su questa strada passiamo una cappella e poi saliamo a Perdonig.

 

Tappa 3: Perdonig - Penegal

 

Questa tappa dura circa 5 ore ed è particolarmente faticosa a causa della sua lunghezza e dei grandi dislivelli. Attraversiamo la cresta della Mendola e godiamo di panorami meravigliosi. Questa fase deve essere eseguita solo con tempo asciutto. Dal Gasthof Wieser saliamo su una strada asfaltata fino a un bivio. Sul sentiero n. 9 (Eppaner Höhenweg) si raggiunge il maso Unterstein. Attraverso diversi tornanti e biforcazioni, raggiungiamo un'importante forcella da cui parte il sentiero 536. Su questo sentiero si raggiunge un canalone e poi una conca. Superiamo una sorgente e raggiungiamo la Große Scharte. Da lì prendiamo il sentiero trasversale n. 500 fino a una sella. Presto raggiungiamo il rifugio diroccato della Baita del Prinz. Proseguiamo sul sentiero n. 500 fino alla Furglauer Scharte. Si sale fino a una sella e poi in piano fino all'hotel Serafino sul Penegal.

 

Stage 4: Penegal - Mendel Pass

 

La breve discesa al Mendel Pass dura poco meno di un'ora. Il sentiero n. 500 è inizialmente ripido, ma poi si trasforma in strada statale n. 42 al Passo della Mendola. 

 

Stage 5: Passo della Mendola - Überetscher Hütte

 

Questa tappa dura circa 2,5 ore. Ci sono diversi punti di sosta lungo il percorso. Di nuovo, prendiamo il sentiero n. 500 fino a un bivio. Lì teniamo la sinistra e saliamo al Rifugio Enzian. Proseguiamo sul sentiero n. 500 fino a raggiungere il rifugio Halbweghütte. Da lì si arriva presto a una spalla con un'ottima vista. Da lì si scende di nuovo verso l Roènalm. Qui il sentiero si divide e si segue il n. 560 prima in salita e poi di nuovo in discesa fino al Rifugio Überetscher. 

 

Stage 6: Rifugio Überetscher - Rif. Predaia

 

Questa tappa dura circa 4 ore ed è particolarmente panoramica. Si attraversa il M. Roen e parte della cresta meridionale della Mendola. Sulla via ferrata Roen è necessario avere un passo sicuro e una buona dose di senso dell'altezza. Il sentiero n. 523 sale ripidamente e raggiunge presto un tratto in cui è necessario arrampicarsi. Qui c'è una fune metallica continua. Si sale fino al bordo della montagna e poi in un ripido canalone. Presto si passa attraverso una parete, che però permette una buona presa (livello di difficoltà I, fune metallica). Raggiungiamo la cresta del M. Roen attraverso un'altra salita rocciosa assicurata. Si prosegue poi fino all'altopiano della vetta. Si cammina in discesa sul sentiero n. 501 fino a raggiungere una sella. Presto raggiungeremo il Sentiero dei Camosci, attraverso un'escursione in quota con viste meravigliose. Proseguiamo sul sentiero n. 501. Con continui saliscendi raggiungiamo finalmente una sella di fronte alla cresta dello Schönleiten. Lì prendiamo la carrareccia n. 6 e raggiungiamo presto il Corederjoch e poco dopo il punto più alto dello Schönleitenkamm. Superiamo l'edicola di Santa Barbara e raggiungiamo il Gaunerjoch. Continuare sul sentiero B fino a raggiungere Mga. Rodezza e poco dopo raggiungere i prati della Predaia. Da lì non è lontano il Rif. Predaia.

 

Stadio 7: Rif. Predaia - Smarano

 

Questa tappa dura solo 1,5 ore, ma è a tratti poco segnalata. È necessario un certo senso di orientamento. Si scende sulla strada di montagna n. 503 fino al Rif. Sores. Poi prendiamo la strada asfaltata in salita fino a una collina e presto di nuovo in discesa. Poco dopo, raggiungiamo la zona del villaggio di Sfruz. La strada asfaltata ci porta a Smarano. 

 

Stadio 8: Smarano - Cles

 

Questa tappa è percorsa in autobus. È consigliabile fare una pausa e visitare l'eremo di San Romedio

 

Stadio 9: Cles - Rif. Peller

 

Questa tappa dura circa 4,5 ore. Durante il tragitto attraversiamo il Gruppo del Brenta. Questo è uno dei punti panoramici del percorso. Dal centro di Cles si raggiunge a piedi Piazza Granda. Si prosegue lungo il sentiero n. 313 (Via Tiberio Claudio) fino a Via delle Scuole, prima su questa e poco dopo su una strada campestre, si raggiunge Bersaglio e si prosegue in salita fino al Ristorante Bersaglio. Da lì si prende il sentiero di montagna n. 313b fino al Campo di Nanno. Presto si raggiunge il Passo Le Fraine e poco dopo gli alpeggi di Mga. Roi. Manteniamo la destra e al successivo bivio a sinistra raggiungiamo il Rif. Peller.

 

Stage 10: Rif. Peller - Rif. Graffer

 

Questa tappa particolarmente lunga del percorso dura circa 8,5 ore. In questo tratto di percorso si attraversa il Parco Naturale Adamello-Brenta, molto incontaminato. Ci sono alcuni passaggi di arrampicata di livello di difficoltà I da superare. Prendiamo il sentiero n. 351 fino a raggiungere la cresta orientale del M. Peller. Poco dopo raggiungiamo Mga. Tassullo a 2090 m di altitudine. Qui si trova anche il Biv. Pinamonti. Proseguire sul sentiero n. 306 e 336 fino a sotto il Passo della Forcola. Poi si raggiunge il Passo della Nana. Direttamente dietro di essa raggiungiamo una biforcazione. Qui si tiene la sinistra e si imbocca il Sentiero delle Palete (sentiero n. 306). Poco dopo raggiungiamo i grandi massi del Passo dell'Uomo. Attraverso sentieri e nastri scendiamo infine nell'alta Val Madris. Il sentiero prosegue in discesa fino alla terrazza prativa di Campo di Tuenno. Attraverso il sentiero n. 306 si sale e scende e si superano alcuni tratti di arrampicata di difficoltà I fino a raggiungere la Bocchetta delle Palete. Poco dopo, attraversiamo una parete ripida assicurata da una fune metallica e da morsetti di ferro. Raggiungiamo il bivio con il sentiero 334. Proseguiamo sul sentiero 306 fino al Passo del Groste. Dalla stazione a monte della funivia di Groste, prendiamo il sentiero n. 301 per il Rif. Giorgio Graffer.

 

Stage 11: Rif. Graffer - Rif. Tuckett

 

Questa tappa dura circa 1,5 ore ed è abbastanza facile da percorrere. Percorriamo il sentiero 331 fino all'incrocio con il sentiero 316, che seguiamo in discesa fino a una zona in cui ci sono enormi massi. Presto attraversiamo la verticale parete nord gialla e nera del Torrione di Vallesinella. Più avanti si raggiunge il versante occidentale del massiccio di Vallesinella. In salita si raggiunge il rifugio Tuckett.

 

Stage 12: Rif. Tuckett - Rif. Brentei

 

Questa tappa dura poco meno di due ore. Scendiamo dal rifugio fino a una forcella. Prendiamo il sentiero 328 e raggiungiamo la Sella del Fridolin attraverso un continuo saliscendi. Presto raggiungiamo il sentiero trasversale n. 318 e lo seguiamo fino a raggiungere un nastro dove attraversiamo una parete. Proseguiamo attraverso un breve tunnel fino a raggiungere un punto da cui possiamo vedere per la prima volta il rifugio Brentei. Da lì si scende al Rif. Brentei.

 

Stadio 13: Rif. Brentei - Rif. Pedrotti

 

Questa tappa dura poco meno di due ore. All'inizio dell'estate, quando ci sono ancora resti di neve, è consigliabile avere con sé ramponi e piccozza. Prendiamo il sentiero 318 fino alla Cappella del Brentei e proseguiamo in salita fino alla colonna di roccia del Campanile Basso. Poi si prosegue su funi metalliche fino alla Bocca di Brenta. Scendiamo ancora, attraversiamo la parete est della C. Brenta Bassa e raggiungiamo il Rif. Pedrotti. 

 

Stadio 14: Rif. Pedrotti - Rif. Agostini

 

In questa tappa siamo in movimento per circa 2,5 ore. Si percorrono dapprima i sentieri n. 304 e 320 fino a raggiungere la dolina di Pozza Tramontana. Ad un bivio, seguire il sentiero n. 320 fino all'altro lato del bacino. In un continuo saliscendi, raggiungiamo finalmente la Forcolotta di Noghera. Da lì scendono due ripidi canaloni, noi scendiamo quello di destra e ne usciamo a destra. Poco dopo, il sentiero sale al Rif. Silvio Agostini

 

Stadio 15: Rif. Agostini - Rif. XII Apostoli

 

Questa tappa dura poco meno di 3 ore ed è particolarmente panoramica. La Via ferrata Ettore Castiglioni si trova lungo il percorso e richiede un passo sicuro e una buona dose di altezza. Si sale sul sentiero n. 358 fino a un bivio. Girate a sinistra e prendete il sentiero n. 321 fino a raggiungere una gola. Qui inizia la Via ferrata Ettore Castiglioni. Entrate nella parete perpendicolare e salite su una scala di ferro per raggiungere una fascia. Giriamo a sinistra e presto prendiamo altre scale fino a una cengia estremamente stretta. La salita prosegue, in parte su funi metalliche, fino alla Bocchetta dei Due Denti. Superiamo un nevaio. Infine, il percorso prosegue in continui saliscendi fino al Rif. XII Apostoli. 

 

Stadio 16: Rif. XII Apostoli - Passo Daone

 

Questa tappa, della durata di circa 6,5 ore, si snoda in parte su un terreno estremamente solitario. La tappa è impegnativa, con numerosi metri di dislivello persi. Si parte dal sentiero n. 307 e si scende nella parete sud del C. Nardis e più in basso in una ripida gola. Si prosegue in discesa fino a raggiungere il fondo prativo del Pian di Nardis. Ora saliamo e scendiamo fino a raggiungere la sella di un prato. Giriamo a sinistra sul sentiero 354 e raggiungiamo i prati del Passo del Gotro. Poco dopo raggiungiamo Mga. Movlina. Raggiungiamo una radura e lasciamo la strada. Proseguire lungo il sentiero n. 350 fino a raggiungere il prato intorno a Mga. Serli. In breve tempo raggiungiamo il rifugio Baita Pozza e facciamo una bella passeggiata in quota fino al Passo Malghette. In prossimità del passo prendiamo il sentiero n. 10 e scendiamo. Si sale e si scende più volte fino a raggiungere le case di Mga. Pramarciu. Scendiamo su una strada forestale e poi proseguiamo sul sentiero n. 9 fino a una strada asfaltata. In pochi minuti si raggiunge il Passo Daone sulla sinistra.

 

Stadio 17: Passo Daone - Preore

 

Questa tappa, che dura poco meno di 3 ore, è una discesa relativamente facile verso la Val Giudicarie Superiore. Prendiamo la strada asfaltata in direzione di Montagne e presto svoltiamo sul sentiero n. 1 e n. 300. Presto raggiungiamo la sella di Peza Porcel e il prato della foresta di Part. Poco dopo raggiungiamo le capanne di Mga. Amolo. Seguiamo il sentiero n. 300 fino a Pra da Plaza. Proseguire lungo la strada forestale e poi svoltare a destra sul sentiero n. 17. Al bivio successivo, tenere la sinistra e scendere sulla strada asfaltata Larzana - Preore. Proseguiamo lungo questa strada fino a raggiungere Stelle. Da lì scendiamo su un sentiero e torniamo sulla strada che ci porta a Preore.

 

Stage 18: Preore - Zuclo

 

Questa tappa dura poco meno di un'ora e conduce lungo una strada al villaggio di Zuclo. In alternativa, il percorso può essere coperto in autobus. Usciamo dal paese di Preore e prendiamo la statale 237, sulla quale giriamo a destra verso Tione e poi a sinistra a un bivio fino a Zuclo.

 

Stage 19: Zuclo - Malghe Stabio

 

La tappa si percorre in circa 3 ore. Da Zuclo prendiamo la strada asfaltata fino a una collina. Si sale e si scende un paio di volte prima di risalire fino a quando la strada svolta sul lato ovest di C. Sera. Proseguiamo ora lungo una carrareccia, che prima sale ripidamente e poi scende in un fosso. Si sale ancora e in breve si raggiunge la spalla prativa di Stabio. Lì teniamo la sinistra e saliamo leggermente fino a Mga. Stabio di Bleggio Superiore.

 

Stadio 20: Malghe Stabio - Rif. Pernici

 

Questa tappa è la più lunga e difficile dell'intero tour. Sono assolutamente indispensabili passo sicuro, resistenza e senso dell'orientamento. Attraversa un territorio montuoso piuttosto solitario, che è segnalato dappertutto, ma non sempre a sufficienza. Non c'è acqua lungo il percorso per tutta la tappa. Si inizia il percorso sulla strada forestale n. 463 e ci si addentra per la prima volta in un bosco. Continuiamo a salire fino a raggiungere l'alta Val Ridever. A questo punto si tiene la sinistra ad un bivio e si raggiunge presto Mga. Solvia. Si prosegue in salita verso l'alta valle e poi verso il punto più alto, a 2005 metri. Si cammina ora sulla cresta meridionale della C. Pala e poco dopo si scende di nuovo leggermente verso la Val Larga. Poi si sale ancora fino a raggiungere la Bocca di Val Larga. Poco dopo raggiungiamo la cresta sotto il M. Rodola. Ora scendiamo verso sud in una sella. Poco dopo raggiungiamo la cima del M. Gaverdina. Qui finisce la parte più impegnativa della fase. Seguiamo ora il sentiero n. 455 in salita fino a una sella. Si sale e si scende alcune volte prima di raggiungere la sella meridionale della Dossa della Torta. Presto si prosegue sul vecchio sentiero di guerra n. 420 fino alla Bocchetta di Slavazi. Riprendiamo a salire e presto raggiungiamo la vetta di Tofino a 2151 m di altitudine. Presto si raggiunge la "Piramide" e quindi la vetta principale del Corno di Pichea. Si attraversa la Bocca di Trat e poi si prende la carrareccia n. 413 sul lato sinistro del Dosso di Seaoi e si sale al Rif. Nino Pernici.

 

Stage 21: Rif. Pernici - Pieve di Ledro

 

Questa tappa dura poco meno di tre ore ed è abbastanza facile da percorrere. Prendiamo il vecchio sentiero di guerra n. 413 e presto raggiungiamo una conca con edifici bellici fatiscenti. Ad un bivio, prendiamo il sentiero n. 454 e saliamo alla Bocca di Saval. Presto il sentiero torna a scendere e si raggiunge Mga. Saval. Si prosegue scendendo e attraversando il fianco sud-est del M. Tomeabru, superando torri di roccia e scendendo ancora fino a Forc. Cocca. Poco dopo si raggiunge la bassa Val dei Molini. Giriamo a sinistra e raggiungiamo Pieve di Ledro su una carrareccia.

 

Stage 22: Pieve di Ledro - Rif. Garibaldi

 

Questa tappa dura un po' più di 4 ore e conduce nella regione piuttosto solitaria del Gruppo del Caplone nelle Alpi meridionali della Val di Ledro. Attraversiamo la statale 240 ed entriamo nel versante meridionale della valle. Presto si raggiunge una strada commerciale, sulla quale si prosegue attraverso la foresta. Lì incontriamo un sentiero cavo n. 456, lungo il quale raggiungiamo presto alcune baite. Poco dopo si passa davanti alla cappella di San Martino e si raggiunge un altro eremo. Si prosegue lungo il suddetto sentiero fino a raggiungere l'alta Val Scaglia. Poi prendiamo il sentiero n. 419, superiamo una sorgente e raggiungiamo Bocca Caset. Girate a sinistra sul sentiero n. 416 e poco dopo raggiungete il Rif. Garibaldi. 

 

Stage 23: Rif. Garibaldi - Rif. Cima Rest

 

Questa tappa dura poco meno di 7 ore. Passa attraverso il gruppo centrale del Caplone. Una caratteristica particolare sono le numerose specie di fiori che si trovano solo qui. Dal Rif. Garibaldi si sale nella conca prativa di Tremalzo. Si prosegue lungo una vecchia strada di guerra percorribile fino a Mga. Ciapa. Presto si ricomincia a scendere fino a raggiungere il Passo della Cocca. Continuiamo a scendere e presto raggiungiamo Mga. Ca dall'Era. Più tardi passiamo per Mga. Spiazzo e poi salire fino a una sella. Passando per Mga. di Lorina, arriviamo finalmente alla fine della strada percorribile. Entriamo presto nel versante settentrionale del M. Caplone e poco dopo nella Val di Campo. Su un vecchio sentiero di guerra sul versante meridionale della cresta, scendiamo sotto la Bocca di Campei e in breve raggiungiamo Mga. Tombea. Ora sale e scende alcune volte prima di raggiungere la Bocca di Caplone. Raggiungiamo presto le case di Pilastro. Poco prima, girando a sinistra, si raggiunge la cresta prativa dell'Alvezza e presto della Mga. Alvezza. Attraverso una strada asfaltata si raggiunge il Rif. Cima Rest.

 

Stage 24: Rif. Cima Rest - Capovalle

 

Questa tappa dura circa 5 ore. Per prima cosa saliamo fino a una sella. Attraverso un sentiero si scende ora nel bosco verso la Val Vestino e si ritorna alla strada. Presto raggiungiamo la zona del villaggio di Magasa. Dal centro del villaggio, si sale prima e poi sul versante settentrionale della collina di Denai. In discesa si raggiungono i prati e le case di Vott. Presto si raggiunge la Val Armarolo e si attraversa l'omonimo torrente. Superiamo i prati di Messane e Premaus e raggiungiamo presto il villaggio montano di Persone e poco dopo quello di Moerna. Proseguiamo lungo la strada asfaltata e dopo alcuni saliscendi, scendiamo a Vico, frazione di Capovalle.

 

Stage 25: Capovalle - Passo Cavallino della Fobbia

 

In questa tappa siamo in viaggio per poco meno di due ore. Prendiamo la strada asfaltata fino al Lago d'Idro e poi saliamo al Passo San Rocco. Poco dopo si raggiunge la Val di Riosecco e l'omonimo santuario. Più a ovest si trova la Val di Grande, che attraversiamo e presto superiamo una conca. Ora raggiungiamo il Passo Cavallino.

 

Stadio 26: Passo Cavallino della Fobbia - Rif. Pirlo

 

Questa tappa dura circa 4 ore. Prendiamo il sentiero n. 3 e saliamo fino a raggiungere la depressione della Cocca Vici. Si continua a scendere fino a raggiungere la sella prativa della Cocca di Corpaglione. In breve tempo raggiungiamo l'alta valle del Vallone attraverso un tratto di sentiero piuttosto lungo e faticoso e poco dopo la Valle della Zocca. Proseguite sul sentiero n. 3 fino a un bivio. Proseguite dritti e raggiungerete presto il Passo della Fobbiola. Proseguire a sinistra lungo il sentiero n. 7, che conduce in salita a un piccolo rifugio. Ci dirigiamo ora verso la cresta orientale del M. Spino. In breve tempo si raggiunge il Rif. Giorgio Pirlo.

 

Stadio 27: Rif. Pirlo - Hotel-Ristorante Colomber

 

La tappa, che dura poco meno di due ore, inizia al Rif. Pirlo, da dove si scende per la prima volta nel Passo di Spino. Prendiamo la carrareccia n. 8 e raggiungiamo il fianco occidentale del Dos Le Prade e poco dopo la cresta sud-occidentale del M. Pirello. Si scende e si arriva presto a un gruppo di case. Si continua a scendere fino alla Valle di Poiano e poi all'Hotel-Ristorante Colomber. 

 

Stadio 28: Hotel-Ristorante Colomber - Gardone Riviera

 

La tappa finale del percorso dura solo un'ora circa e può essere percorsa anche in autobus. Si tratta di una strada asfaltata, ma il paesaggio circostante è estremamente bello: si cammina tra cipressi e ulivi e si arriva presto al blu scintillante del Lago di Garda. Si attraversa prima il paese di San Michele e poi si prosegue in discesa fino al paese di Tresnico. Passando accanto a belle case, si scende a Gardone Riviera.

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Mezzi pubblici

Bolzano è servita da treni e autobus. Il percorso prosegue poi in autobus, treno o taxi fino al punto di partenza effettivo del percorso ad Andrian.

Come arrivare

In auto, Bolzano è raggiungibile da nord attraverso il Brennero e la Valle Isarco; da sud, cioè da Modena, Verona e Trento, si raggiunge Bolzano attraverso la Valle dell'Adige. Raggiungiamo Andrian attraverso Viale Druso, Via Merano e Via Bolzano.

Coordinate

DD
46.518883, 11.233746
DMS
46°31'08.0"N 11°14'01.5"E
UTM
32T 671338 5154125
w3w 
///trovalo.ripida.pancia
Mostra sulla mappa
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Guide consigliate in questa regione:

Mostra tutto

Cartine consigliate

Mostra tutto

Attrezzatura

Zaino da trekking (circa 50 litri) con parapioggia, scarpe robuste e comode, eventuale cambio di scarpe, abbigliamento resistente alle intemperie e a più strati, cambio di vestiti, bastoncini telescopici, set KS, casco da roccia, corda, piccozza, ramponi, protezione dal sole e dalla pioggia, provviste e acqua potabile, kit di pronto soccorso, coltellino, telefono cellulare, lampada frontale, cartine, documenti di viaggio, borsa da toilette e asciugamano da viaggio, detersivo per le mani e stendibiancheria, se necessario. Attrezzatura da campeggio (tenda, materassino, sacco a pelo, attrezzatura da cucina), se necessario attrezzatura da rifugio.

Localizzazione

Alcune parti di questo contenuto sono state tradotte automaticamente con tedesco come lingua originale.


Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

Condividi la tua esperienza

Aggiungi il primo contributo della Community


Foto di altri utenti


Difficoltà
difficile
Lunghezza
251,6 km
Durata
95:12 h.
Salita
14.461 m
Discesa
14.646 m
Punto più alto
2.782 m
Punto più basso
75 m
Panoramico Punti di ristoro lungo il percorso Interesse botanico Da punto a punto

Statistiche

  • La mia mappa
  • Contenuti
  • Mostra immagini Nascondi foto
Funzioni
2D 3D
Mappe e sentieri
  • Highlights
  • Highlights
Lunghezza  km
Durata : ore
Salita  mt
Discesa  mt
Punto più alto  mt
Punto più basso  mt
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio