Sentiero ciaspole Contenuto Premium

Da San Valentino sul Corno della Paura

Sentiero ciaspole · Rovereto, Vallagarina, Altopiano di Brentonico
Responsabile del contenuto
Athesia
  • L’area sciistica di San Valentino
    L’area sciistica di San Valentino
    Foto: Athesia
m 1500 1400 1300 8 7 6 5 4 3 2 1 km
media
Lunghezza 8,7 km
3:19 h.
276 m
277 m
Con le ciaspole su strade militariNumerose sono le testimonianze della Prima guerra mondiale ancora visibili sull’Altopiano di Brentonico: qui passa il «Sentiero della Pace» (segnaletica), il percorso escursionistico che, lungo i suoi 300 chilometri, ricalca un fronte di guerra tra lo Stelvio e la Marmolada. Questa passeggiata, in salita ma poco faticosa, prende avvio da San Valentino (1314 m), località turistica e sciistica assieme alle vicine stazioni della Polsa e San Giacomo (Ski area). Meta dell’itinerario è il Corno della Paura, un terrazzamento roccioso a picco sulla Valle dell’Adige, il cui raggio di avvistamento nelle giornate luminose raggiunge le terre di Verona a sud e la conca di Trento a nord. L’ampio panorama che offre a 360° sull’anfiteatro della Polsa, sul Gruppo del Monte Baldo, sui monti della Valle dell’Adige, sul Gruppo del Pasubio fa dimenticare per qualche minuto gli orrori di cui fu scenario (postazioni militari del 1915).

Al Passo San Valentino (1314 m), superata l’omonima chiesa, moderna (1969) ma ben immersa nel paesaggio, ci si dirige verso le piste da sci. Si lascia il cippo che ricorda i 31 militari morti sotto una valanga nel 1916, presso l’ex cimitero militare, e si segue senza difficoltà l’ex strada militare realizzata nel 1915 che sale al Corno della Paura (Sat n. 686). Il percorso, con andamento sinuoso, aggira i dossi di Malga Pizzagrolla, costeggiando in parte gli impianti di risalita, e Malga Postemom, tagliando i pascoli posti al limitare della faggeta: attorno si scorgono i profondi avvallamenti causati dalle bombe durante la Grande Guerra. Il panorama spazia sul Monte Altissimo e sul lago artificiale Pra da Stua, all’imbocco della sottostante Valle dell’Aviana che confluisce ad Avio. Si prosegue superando il bosco fino alla sella che si apre sull’area sciistica della Polsa, per poi salire ancora puntando sulle impattanti torri di trasmissione delle Colme di Pravecchio (1539 m): da qui,

Accedi al percorso con PRO+
Con PRO+ hai accesso a tutti i dettagli del percorso, incluse direzioni, foto, tracciato GPS e altre informazioni utili.

Sei registrato? 

Contenuto Premium Gli itinerari Premium sono scritti da autori proferssionali ed pubblicati da editori specializzati.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

Condividi la tua esperienza

Aggiungi il primo contributo della Community


Foto di altri utenti