I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Termeno s.s.d.v.

Non è un’eccezione, ma eccezionale

Dolcemente adagiato fra ondulati vigneti, circondato da esili ombre di cipressi, e baciato dal sole del sud, Termeno, un noto villaggio vitivinicolo. Gli “Erker” – i tipici bovindi - adornano le facciate degli edifici, fontane gorgoglianti, arcate massicce e strade tortuose completano il quadro malinconico di questo villaggio idilliaco. Termeno sembra sognare - ma poi, improvvisamente, grida e urla risvegliano gli abitanti dal loro dolce sogno.

Si tratta dell' “Egetmannumzug” – una giornata del tutto eccezionale. Per gli abitanti di Termeno, questo corteo di carnevale corrisponde alla "quinta stagione”. Uno spettacolo selvaggio, confuso, folle per i visitatori che devono abituarsi a volti sporchi di fuliggine, a streghe strillanti, ai tradizionali “Schnappviecher”- grandi animali con un grande muso-infuriati, ai suoni di campanacci, sonagli ed urla. Così ci si congeda dall’inverno. Gli abitanti di Termeno festeggiano e brindano come solo loro sanno fare. Trambusto e tumulto. I “Schnappviecher” battono i denti, si sentono le sferzate delle “Goaßln”, le tipiche fruste, il martellamento della fucina, il fragore del metallo e del ferro, il canto, fischi ed urla, le grida degli spettatori. L’aria sa di fumo proveniente da stufe e forni, ha l'odore del ginepro, di rami di abete rosso ed abete, di carburante e tubi di scappamento, di piume di gallina,di segatura e polvere. 

Anche il museo locale permette di comprendere la storia e lo sfondo di questa tradizione selvaggia. Attraverso oggetti agricoli antichissimi, si scopre molto della vita dei viticoltori di un tempo e del loro lavoro.

La viticoltura ha sempre svolto a Termeno un ruolo di primo piano. Dopo tutto, questa è la patria del Gewürztraminer. Questo vino di un giallo dorato con profumo intenso ha procurato al villaggio una fama internazionale. Il suo aroma caratteristico e la sua dimensione nobile hanno fatto conoscere questo vino in tutto il mondo.

Non meno interessanti dal punto di vista storico sono le chiese di Termeno. La chiesa parrocchiale con la sua torre gotica domina il paese. Con i suoi 93 metri, questa è la più alta torre in muratura in Alto Adige. Un po’ più discreta ma ben visibile sorge la chiesetta di S. Giacomo a Kastelaz sulla sua piccola collina. Al suo interno, ospita gli affreschi romanici più antichi del territorio di lingua germanica. Un brivido percorre colui che ammira la parte dei basamenti. Mitiche creature con teste di cane e code di pesce. Mostri, serpenti di mare e sirene. Uno spettacolo di affreschi colorati

Alla Homepage