I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

SU GOLOGONE – Sito naturalistico

Supramonte
Aggiungi alla lista dei preferiti

SU GOLOGONE – Sito naturalistico

Supramonte

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie

Informationen zu SU GOLOGONE – Sito naturalistico

Alle falde del Supramonte si incontra il monumento naturale delle fonti di Su Gologone, oggi all’interno di un parco. Il carattere carsico dell’altopiano supramontano impone alla pioggia che esso riceve un lungo percorso sotterraneo: le rocce calcaree infatti, permeabili e fratturate, raccolgono tutte le precipitazioni convogliandole in complessi sistemi di inghiottitoi, grotte e gallerie sotterranee. Un grosso fiume d’acqua dolce scorre per decine di chilometri nelle profondità della terra, dalle falde del Gennargentu e in territorio di Talana, a sud, fino a quando il calcare termina e le rocce impermeabili con cui il fiume viene a contatto impongono all’acqua una risalita repentina in superficie. È così che ha origine la risorgenza di Su Gologone: una oscura spaccatura che si inoltra nel cuore della montagna per una profondità ancora insondata (gli speleosub, a costo di grandi fatiche, sono arrivati quasi a -140m) e si presenta allo spettatore con una quinta scenografica, una pozza di acqua smeraldina orlata di oleandri e circondata dalle ultime rocce calcaree precipiti. La portata media della sorgente è di circa 500 litri al secondo, la più importante della Sardegna. Alle spalle della fonte si snoda il fiume Cedrino, tra salici piangenti ed alti alberi di pioppo ed eucaliptus: a sorvegliare il tutto una piccola chiesa dedicata alla Madonna, passando accanto alla quale si può raggiungere una balconata con vista privilegiata sulla fonte. Una seconda risorgiva, più piccola e meno appariscente, si trova proprio sotto la chiesetta. La sorgente muta sensibilmente le sue condizioni a seconda del regime di piovosità della zona: in caso di forti precipitazioni, la sua portata massima può raggiungere gli 8000 litri al secondo, allagando l’intera zona del parco e parte della vallata e, sebbene in quei casi sia più difficile da raggiungere, la vista della piena è sicuramente affascinante e straordinaria.

Ai piedi del Monte Uddè sgorga la più importante sorgente sarda Su Gologone.

Alloggi consigliati

Dove dormire

Mangiare & Bere

Cultura

Escursionismo