I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Silandro

La capitale dei villaggi

Un castello si acquatta sulla roccia nuda. Castel Schlandersberg. Un parallelepipedo di fredda simmetria. Folte siepi accompagnano una scalinata di pietra riflettente il calore fino all'ingresso del castello. Solo una meridiana e uno stemma ornano la facciata. E molte finestre di piccole dimensioni…per amore della vista sulle colline coperte di conifere che si ammonticchiano come onde. Una veduta in caduta libera che atterra a Silandro, nella Val Venosta.

Protetto e sorvegliato da infiniti filari di alberi e dai vigorosi fianchi delle montagne, Silandro è situato nel cuore della Val Venosta. Al Monte Tramontana con i suoi boschi oscuri si oppone coraggioso il Monte Sole con i suoi vigneti e i luminosi castagneti. In mezzo si innalza, in cinabro, gracile e appuntito, il campanile alto 97 metri. Il suo capo è leggermente inclinato verso ovest, come per difesa dal vento venostano che soffia costantemente dalla direzione di Lasa. Colorati affreschi decorano l'interno della chiesa. Residenze nobiliari, case borghesi e palazzi storici rappresentano le porte al passato.

Il Castello Schlandersburg vestito di muro bianco come la neve, ospita ai nostri tempi una biblioteca. Loggiati con colonne circolari disposte a stretto contatto, un imponente portale, alle pareti stemmi dipinti con molti dettagli ed un luminoso cortile, anche i camini decorati salutano affettuosamente dai tetti.

Il centro si presenta colorato e vivace. Locande rurali, piccoli negozi e boutique bordano la zona pedonale, donando al paese un tocco urbano. Una zona esclusiva con vivaci caffetterie. Di giovedì tutti si incontrano nel paese per mercanteggiare, fare shopping e negoziare. Il mercato settimanale è pieno di vita, ed offre frutta fresca, formaggi gustosi, abiti e fiori ancora umidi di rugiada.

Alla Homepage