I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Tra la Valle di Eores e la Val di Funes

Bressanone
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Tra la Valle di Eores e la Val di Funes

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    1:30 h
  • Distanza
    13.4km
  • Dislivello
    300 m
  • Dislivello
    300 m
  • Altitudine Max
    1754 m
Su due ruote attorno al Monte dei Ginepri (1827 m) e al Monte di Mezzo (1807 m) tra la Valle di Eores a nord e la Val di Funes a sud. Il panorama sopra la Val di Funes e il Gruppo delle Odle è travolgente.

Itinerario

Si parte al parcheggio Fistliboden e si segue la strada asfaltata (LS/SP29) superando alcuni tornanti verso sud-est fino al bivio. Si continua verso la destra, superando il ruscello Russis via il ponte Russis e seguendo la via Coller si sale verso la Croce Russis. Passando la Baita Muntwiesen si continua a sud del Monte dei Ginepri (1827 m) e seguendo la LS/SP163 si continua verso ovest. Alla cappella si gira a destra e si segue una strada sterrata fino al Maso Felthunerhof. Da questo punto si scende via la strada asfaltata fino al Maso Rieferhof, un pittoresco maneggio. Subito dopo il maso si gira nuovamente a destra (!) e si segue l’ampia strada sterrata verso nord-ovest. Dopo circa 800 m si trova un bivio e si gira a sinistra, seguendo il segnavia 5A. Dopo circa 1,7 km si continua alla destra e sempre sulla strada sterrata si raggiunge il punto di partenza al parcheggio Fistilboden.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio Fistilboden

Arrivo dell'itinerario

Parcheggio Fistilboden

Parcheggio

Parcheggio Fistilboden

Trasporto pubblico

Arrivo

Da Bressanone via S. Andrea nella Valle di Eores fino al parcheggio Fistilboden. 

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Mangiare & Bere vicino al tour

Tab per le foto e le valutazioni

Mangiare & Bere

Natura

Cultura