I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

S. Vigilio–Val di Fanes-Sennes

San Vigilio di Marebbe Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour S. Vigilio–Val di Fanes-Sennes

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    5:30 h
  • Distanza
    53.7km
  • Dislivello
    1750 m
  • Dislivello
    1750 m
  • Altitudine Max
    2175 m
Durante la Prima Guerra Mondiale il fronte correva tra le Dolomiti, portandovi sangue e drammi umani. La guerra di posizione tra le forze austro-ungariche e quelle italiane fu aspra e dolorosa, sotto ogni punto di vista. Perfino tra i ghiacci della Marmolada furono scavate con l’esplosivo, da entrambe le parti belligeranti, due gallerie per rifornire le postazioni belliche. Molte cime, a dispetto della loro altezza, erano dotate di bocche da fuoco.

Itinerario


L’itinerario porta in Veneto, vicino a Cortina d’Ampezzo, attraverso la Val di Rudo fino al Passo di Limo e, attraverso la Val De Fanes, nel Parco Naturale “Dolomiti Ampezzane“. Da 1915 al 1917 sui versanti settentrionali del Forame e delle Tofane furono impegnati in aspri combattimenti migliaia di soldati. Al di sopra della profondissima gola di Ponte Alto, passando per il Rifugio Ra Stua e attraversando la Valle Salata, si va fino al Rifugio Sennes, a ben 2120 m di quota. Qui bisogna disporre di riserve d’energia e di adeguati dischi dei freni per affrontare la lunga discesa fino a S. Vigilio. Sul sentiero di fondovalle per S. Vigilio d’estate c’è da aspettarsi un intenso passaggio di escursionisti.

Descrizione itinerario
Partiamo dal Centro Visite del Parco Naturale ➊ di S. Vigilio di Marebbe (1250 m), percorriamo 12 km lungo la strada attraverso la Val di Rudo fino a Pederù ➋ 1540 m, continuiamo a salire in forte pendenza al Rifugio Fanes ➌ 2060 m (attenzione, d’estate servizio bus navetta!); dopo il rifugio breve passaggio in salita con bici spinta a mano fino al Passo Limo ➍ 2170 m. Da qui proseguiamo per il laghetto omonimo ➎, scendiamo per la sconnessa forestale in Val di Fanes, al Rifugio Gran Fanes ➏ 2100 m andiamo a sinistra proseguendo la discesa in Val di Fanes, passiamo il Ponte Alto ➐ 1480 m. Dopo ca. 1,5 km verso valle arriviamo sotto la SS 51 che porta a Cortina d’Ampezzo, al bivio ➑ risaliamo a sinistra la ripida forestale fino al parcheggio di S. Uberto ➒, 1440 m; da qui percorriamo la strada asfaltata per il Rifugio Ra Stua ➓ 1680 m (attenzione, servizio di bus navetta nei mesi estivi!), dal rifugio andiamo avanti lungo la via N. 6, dapprima in moderata poi forte salita, attraverso la Val Salata fino al Rifugio Sennes ⓫ 2120 m. Scendiamo lungo comode forestali fino al casale di Fodara Vedla ⓬ 1970 m, superiamo 50 m di dislivello in salita e, lungo la scoscesa e tortuosa strada scendiamo a Pederù (molto ripida! Dopo precipitazioni fondo scivoloso!); a Pederù passiamo sul lato sinistro della valle ⓭, imbocchiamo il sentiero di fondovalle (molti passaggi con radici affioranti), ca. 1 km prima del Lago della Creta andiamo a destra ⓮, passiamo sulla strada per S. Vigilio e torniamo al punto di partenza.

Inizio dell'itinerario

S. Vigilio, Centro Visite Parco Naturale, 1250 m

Arrivo dell'itinerario

S. Vigilio, Centro Visite Parco Naturale, 1250 m

Parcheggio

Al Parco Naturale

Trasporto pubblico

Arrivo

Autostrada A22 del Brennero, uscita Bressanone Nord, Val
Pusteria, Val Badia, S. Vigilio di Marebbe

Fonte

It.52
Autore: Mauro Tumler

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Alla Homepage