I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Tempo libero

Vino & Specialità

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Rifugio Salei

Canazei Fassatal/Val di Fassa, Canazei - Fassatal / Val di Fassa , Sella Straße 43 Strada del Sella Aggiungi alla lista dei preferiti
Alla homepage
Telefona +39 0462 602300
Richiesta non impegnativa
ritorna

Rifugio Salei

Canazei Fassatal/Val di Fassa, Canazei - Fassatal / Val di Fassa , Sella Straße 43 Strada del Sella

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie
  • In mezzo un mondo pieno di montagne...!
    Rifugi

    Rifugio Fanes

    San Vigilio di Marebbe
  • Il Rifugio Sasso Piatto al di sotto del Sassopiatto è magnifico.
    Rifugi

    Rifugio Sasso Piatto

    Siusi allo Sciliar
  • Rifugi

    Rifugio Alpe di Tires

    Castelrotto - Alpe di Siusi
  • Benvenuti nella baita Lavarella a Fanes.
    Rifugi

    Rifugio Lavarella

    San Vigilio di Marebbe
  • Rifugi

    Hofer Alpl

    Fiè allo Sciliar
  • Una gita al Rifugio Monte Cavone sopra Tires vale la pena, e non solo per il suo panorama mozzafiato.
    Rifugi

    Rifugio Monte Cavone Tschafon Hütte

    Tires
No grazie

Informationen zu Rifugio Salei


È difficile competere con il Rifugio Salei, posizionato splendidamente proprio vicino al Passo Sella, nel mezzo delle Dolomiti. Una vista unica su pascoli e vette garantisce momenti davvero indimenticabili. Costruita già nel 1967, ma rinnovata completamente nel 2006, questa baita di montagna offre tutto quanto il cuore degli appassionati di montagna desideri. 

Ristorante-pizzeria, bar e self service rallegrano gli ospiti stanchi e affamati, che vogliono farsi viziare a livello culinario a 2225 metri. Ambienti accoglienti all'interno della baita e una grande terrazza panoramica rilassano e ispirano gli amanti della montagna. 



Il Rifugio Salei si occupa anche di offrirvi confortevoli alloggi. Per gli ospiti sono a disposizione otto comode camere. Pernottamento con colazione o mezza pensione, ognuno può decidere cosa preferisce. Svegliandosi al rifugio è facile iniziare la giornata. Effettuare innumerevoli gite all'insegna del trekking, alpinismo e arrampicata in estate e praticare numerosi sport invernali: dal Rifugio Salei tutto è a portata di mano. 

Il Rifugio Salei, sul Passo Sella, offre agli amanti della montagna vitto e alloggio per tutto l'anno con una vista meravigliosa sul panorama dolomitico circostante.

Pernottare tra le Alpi

Il Rifugio Salei offre ai suoi ospiti la possibilità di pernottare, in alloggi estremamente confortevoli, a 2225 metri di altitudine. Complessivamente, per chi trascorre la notte al rifugio, sono a disposizione otto accoglienti camere. Le camere matrimoniali, spaziose e luminose e con una fantastica vista sul panorama montano, non tardano a far affiorare la sensazione di vacanza. L'unica scelta da fare è: prenotare un pernottamento con colazione o mezza pensione? Le vacanze sanno essere così belle!

Pernottare in montagna all'insegna della tranquillità e del comfort. Al Rifugio Salei vengono offerte entrambe le cose.

Tipicamente altoatesino

Salottini autentici in stile tirolese, costruiti usando il legno degli antichi fienili della Val Gardena, emanano molto calore ed accoglienza. L'ospite si sente a casa e può gustarsi le pietanze tipicamente altoatesine. La combinazione tra tradizione alpina e leggerezza mediterranea offre ad ogni commensale un vasto assortimento di piatti e bevande. La vista illimitata sul panorama di vette, che si può ammirare dalla finestra o direttamente dalla terrazza, dà ad ogni boccone un pizzico di sapore alpino in più. Il Rifugio Salei va vissuto.

Gusto con vista

Cultura

Bici

Alpinismo

Inverno