I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
torna a Sport ed Itinerari

La rivista sentres – Sport ed Itinerari

Tacchetti nel fango

I trails autunnali in Alto Adige devono essere affrontati con prudenza dai principianti, mentre per gli esperti rappresentano una sfida sportiva.

Biciclette colorate

Se i ciclisti sembrano usciti da una formazione per unità speciali, se le costose bici in carbonio prendono il colore di anni di ruggine, se gli autolavaggi diventano luoghi di incontro per ciclisti, allora è davvero arrivato l'autunno. Un'estasi di colori attanaglia il bosco, dalla sfumatura più delicata di verde e beige fino a un rosso profondo e violetto. L'afa estiva si è tramutata in un'arietta rinfrescante e si percepisce un maggiore silenzio. Persino le ruote hanno un suono attutito sul suolo più morbido, nel bosco comincia a formarsi uno strato di foglie cadute. Ed è proprio questo il problema!

- Chi vuole preparare la propria bici per l'autunno, dagli esperti dei negozi altoatesini Bikeshops è nel posto giusto.
- I migliori itinerari sono naturalmente su sentres.com

Natura infida

Questa tipica combinazione di sottobosco morbido e fangoso, di uno strato di foglie marce sopra a uno strato di copertura di foglie colorate appena cadute ha il suo innegabile vantaggio: è morbida. Ciò significa concretamente che le costole riceveranno un trattamento migliore, qualora dovessero subire un involontario contatto con il suolo. In un modo o nell'altro succederà. Prima o dopo tutti i ciclisti lasciano il loro tributo sul suolo del bosco.

Questo attimo fuggente, questa frazione di secondo, in cui si realizza che sotto allo spesso strato di foglie si cela una radice bagnata, un profondo buco di fango o una roccia irregolare e si perde già il controllo della parte anteriore della bici, non rimane altro da fare che finire con un triplo Rittberger nel fango. In questo caso non ci sono applausi ma, come detto, nella maggior parte dei casi, si cade sul morbido. Eventualmente basterà sfruttare l'autolavaggio insieme alla bicicletta.

Gomme grosse

Naturalmente ci sono anche dei metodi che consentono di limitare i danni, ad esempio con un profilo cattivo, ruvido e aderente. Ora non conta la leggerezza del telaio e simili, ma solo la trazione. Quindi si montano gli pneumatici più grossi che la struttura della bici possa supportare e via a vivere l'autunno. E ancora un consiglio: a volte può essere sufficiente frenare bene e in tempo.

Alla Homepage