I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
torna a Sport ed Itinerari

La rivista sentres – Sport ed Itinerari

Sull'Ortles passando per la Cresta del Coston

Un tour da pelle d'oca. Momenti unici e viste panoramiche mozzafiato, ma anche il fascino di pareti di roccia e ghiaccio pericolosamente impervie. La scalata dell'Ortles lungo la Cresta del Coston è un percorso per chi ha nervi saldi - passo decisamente fermo e sicuro e niente vertigini sono il presupposto per questo tour.

Già alle 3:00 del mattino si viene svegliati dalla padrona del rifugio. Dopo un'abbondante colazione la fila umana di luci si muove verso la Cresta del Coston. Il tour dovrebbe essere affrontato possibilmente nelle prime ore del mattino, per ridurre i rischi di caduta massi e lo scioglimento della neve. Pian piano il cielo si fa più chiaro e i primi raggi del mattino illuminano la parete nord del Re Ortles - un'immagine che sicuramente vi rimarrà impressa per sempre.

Sulla Cresta del Coston vi sono alcuni passaggi di arrampicata fino a livello 4 da superare. Pareti rocciose impervie e irti ghiaioni richiedono estrema prudenza ad ogni passo. Più ci si avvicina alla cima, più incantevole diventa la vista panoramica. Occorre superare due zone ghiacciate, prima di giungere alla cima vetta più alta dell'Alto Adige. Il panorama a 360° da quassù è impressionante. Ma il tour non è ancora finito. La discesa lungo la via normale non è da sottovalutare e richiede costantemente un'estrema prudenza. Per questo motivo è importante dosare bene le forze per gestire con attenzione la via del ritorno. Raggiunto finalmente il Rifugio Payer situato in una posizione straordinaria, manca solo da superare la lunga ma agevole discesa verso Solda, passando per il Rifugio Tabaretta.

Il tratto pericoloso della discesa è superato. Al Rifugio Tabaretta si può quindi brindare con una bevanda rinfrescante al successo della scalata dell'Ortles. Da qui un sentiero agevole e panoramico conduce fino a valle. In alternativa si può anche camminare fino alla stazione a monte della funivia Langenstein per percorrere gli ultimi metri di dislivello fino a Solda.

Ecco i dettagli dell'itinerario con dati GPS, mappa digitale, profilo altimetrico e tutte le informazioni più importanti.

Alla Homepage