I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
torna a Sport ed Itinerari

La rivista sentres – Sport ed Itinerari

Montagna con vista panoramica Plan de Corones- Escursione

La fama del Plan de Corones è data senz'altro in gran misura dal suo essere un'area sciistica, tuttavia anche gli escursionisti ne apprezzano sempre di più l'ottima accessibilità, il panorama a 360° e i punti di ristoro.

È semplice essere una montagna panoramica quando tutt'attorno non c'è niente di più alto. Questo potrebbe essere il motto del Plan de Corones. A dirla tutta più che una montagna è piuttosto una grande collina calva. Comunque una collina ben visibile dalla maggior parte delle zone della Val Pusteria centrale. Si sa, la questione della visibilità funziona sempre in entrambe le direzioni e questo non ha sempre aspetti positivi. La calvizie è infatti ornata da alcune spine, leggi antenne. Radio, televisione, telefono e quant'altro. E ovviamente non mancano gli impianti di risalita. Ma anche in estate continuano ad essere sempre più utilizzati. Sono soprattutto le famiglie con bambini piccoli (quelli grandi tanto trovano il trekking di per sè poco interessante) ad apprezzare la veloce ascesa fino in quota, perché anche i bambini piccoli diventano pesanti via via che la durata della camminata aumenta e farli camminare da soli spesso non è una cosa poi così semplice.

Le informazioni in sintesi:
- Escursione circolare sul Plan de Corones
- punto di ristoro: il rifugio Corones

Ma per tornare al tema iniziale: sul Plan de Corones si può arrivare camminando, credetemi, è vero! E tra l'altro è abbastanza fattibile. In più, una volta sopra, vi aspetta una vista da sogno, garantito. E non mancano ottimi e numerosi punti di ristoro. Questo è certo. E Domenica 18 Agosto al rifugio Corones è giorno di festa: "Kirchta" o "Kirchtag", giornata della chiesa, per tutti coloro che non se la cavano molto con il dialetto pusterese. Quindi, coloro che, privati delle forze dopo la salita e completamente stremati dal Passo Furcia, riescono ancora a strisciare fino alla baita, saranno rimessi in piedi da stinco di maiale, salsiccia e pollo arrosto. 

Prima che me ne dimentichi, attenzione! a partire dalle 13:00 forti saranno gli schiocchi delle fruste durante il Goaßschnöllen. Chiamato Goaßschnalzen in Baviera, si tratta di un'usanza pagana per scacciare l'inverno. Una manifestazione un po' insolita per un'area sciistica. Che sia tutta superstizione?

Alla Homepage