I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
torna a Piaceri ed Ospitalità

La rivista sentres – Piaceri ed Ospitalità

Merano da un punto di vista del tutto personale

Per una volta una Merano diversa. Intima, personale, quasi come in un backstage. Il designer grafico e albergatore Philipp Aukenthaler e il gastronomo Luigi Ottaiano presentano Merano a novembre.

Al mattino presto la città sul Passirio è ancora dormiente, illuminata da una luce fioca. Pian piano si risveglia e si infila il suo vestito autunnale gioioso e colorato. Durante la passeggiata mattutina le vetrine dei negozi decorate con motivi autunnali invogliano a programmare un tour di shopping nel corso della giornata. Ancora prima del sorgere del sole prelibatezze, arte e articoli sportivi stuzzicano la mia curiosità.

Qui sotto i portici di Merano incontro Luigi Ottaiano. Nato a Napoli, vive ormai da più di 20 anni a Merano e ama questa piccola cittadina, il suo fascino e la sua aria frizzante. Sereno e gioioso mi porta con sé, saluta dei conoscenti e sorride agli sguardi ancora sonnolenti della gente che incontra. A passo veloce attraversiamo il pittoresco centro storico, raggiungendo le storiche mura incantate del suo posto di lavoro, il Ristorante Kallmünz. Mentre il sole pian piano fa capolino fra le schiere di case, Luigi si sta già dedicando al suo lavoro di chef.

Sotto un cielo terso autunnale cammino lungo la passeggiata del Passirio “Passerpromenade”. Grazie al mite clima mediterraneo a Merano si può passeggiare meravigliosamente anche in novembre. In uno degli eleganti ristoranti, che si affacciano sulla passeggiata, mi gusto una prelibata colazione in compagnia di Philipp Aukenthalter, che gestisce un club lounge nell'Hotel Aurora di proprietà della sua famiglia e si occupa anche di design grafico. Philipp descrive con entusiasmo la città, dicendo che “Merano è uno dei luoghi più belli in cui godersi l'autunno. Qui c'è una magia particolare”. Gli do pienamente ragione.

“L'autunno a Merano è la stagione della cultura” afferma Philipp. “Il Teatro di Merano, situato nel centro storico, apre la stagione proprio in autunno, l'Istituto di cultura altoatesino porta a Merano due pezzi d'arte di prima categoria, mentre all'ES Contemporary Art Gallery di Erwin Seppi è in programma un'interessante mostra di Uta Neumann.” Anche Luigi concorda con lui. Ci racconta del Wine Festival con cui Merano inizia in modo vivace ed elegante il mese di novembre. I visitatori della manifestazione affollano le strade della città sul Passirio, tutto è in movimento. In occasione di questo evento il gastronomo presenta una degustazione di champagne – naturalmente con un menù adatto al caso. Anche Philipp, come giovane e motivato imprenditore, celebra l'arrivo dell'autunno. Da un paio d'anni nella sua famiglia rivive l'antica tradizione tirolese dell'oca arrostita “Martini-Gansl”, il giorno 11.11, in cui si celebra S. Martino, nell'hotel di famiglia per cena viene servita una gustosa oca arrostita. Nella vita notturna di Merano tradizione e musica elettronica si fondono nel cosiddetto “Techno-Törggelen”, mentre si gustano castagne, dolci e il piatto tipico “Gselchts”, si può ascoltare anche la migliore musica techno.

Una volta conclusosi questo evento Merano ricade nel suo breve e pacifico sonno da Bella Addormentata. Alla caduta dei primi fiocchi di neve e all'apertura del Christkindlmarkt (mercatino di Natale), la città termale invita a trascorrere delle giornate in relax e serenità. Qui è infatti possibile godere appieno degli ultimi raggi di sole prima dell'inverno, dal momento che Castel Trauttmansdorff in tutto il suo splendore attira ancora i visitatori fino a metà novembre, mentre le Terme di Merano offrono l'opportunità di una rilassante giornata all'insegna del benessere.

Ecco qui una panoramica dei nostri consigli sulla città di Merano:

Alla Homepage