I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
torna a Ambiente e Natura

La rivista sentres – Ambiente e Natura

La salute cresce in montagna

Benvenuti in…Alto Adige! Davvero?!

Le favorevoli condizioni climatiche dell’Alto Adige creano il clima ideale per la crescita di oltre 120 tipi di erbe aromatiche e officinali. La raccolta delle erbe qui ha una lunga tradizione che negli ultimi anni sta vivendo una vera e propria rinascita. L’antico sapere torna al suo splendore, le erbe medicinali tornano in primo piano e la cucina biologica con l’utilizzo di erbe selvatiche locali non è mai stata più richiesta come in questo periodo. Ecco come mai oggi, accanto alle vette rocciose e alle colline di viti in alcune zone dell’Alto Adige si aprono alla vista dell’osservatore ampi campi di erbe aromatiche e colorate.

Molti masi altoatesini si intendono di erboristeria (o la riscoprono). Il tipico orto del maso si presenta come un mare di colori e profumi: fiori di malva blu intenso, calendule di un arancio sgargiante, enotere di un giallo intenso. Una menzione particolare merita il maso Pflegerhof di Castelrotto.

Un maso tradizionale, un vecchio granaio con il tetto in paglia, interamente circondato da splendidi campi colorati a perdita d’occhio. Dal 1982 la signora Martha Mulser coltiva erbe insieme alla sua famiglia. Ha cominciato fin da piccola -come hobby - con un’aiuola di ca. 100 metri quadri.

Oggi la superficie coltivata raggiunge i due ettari, 80 tipi di erbe aromatiche rappresentano la base dei prodotti del maso, che possono essere acquistati direttamente in loco. Mix di tè e erbe aromatiche, cuscinetti alle erbe, sciroppo e pomate.

“Tutto fatto a mano!”, afferma la coltivatrice di erbe Martha Mulser. “Sono l’amore per i dettagli, la cura per le piccole raffinatezze e il divertimento nel lavorare a rendere speciali i nostri prodotti”. L’opinione di sentres: semplicemente fantastico!

Scopri prodotti del maso di tutto l'Alto Adige.

Alla Homepage