I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Ponte Druso

Bolzano
Aggiungi alla lista dei preferiti

Ponte Druso

Bolzano

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

  • La Ferrovia del Renon: un tuffo nostalgico nel passato.
    Monumenti della tecnica

    La Ferrovia del Renon

    Comune Renon
  • La funicolare della Mendola a Caldaro, il più interessante mezzo di trasporto pubblico in Alto Adige
    Monumenti della tecnica

    La funicolare della Mendola

    Caldaro s.s.d.v.
  • Bolzano   Renon: la finivia del renon supera un dislivello di 950 metri in 12 minuti
    Monumenti della tecnica

    La funivia del Renon

    Comune Renon
  • Il Ponte Talvera collega il centro storico alla parte nuova e ai quartieri più recenti del capoluogo. 
    Monumenti della tecnica

    Ponte Talvera

    Bolzano
No grazie

Informationen zu Ponte Druso

Marzo 1930. I lavori iniziano sotto la direzione dell'ingegnere capo Eugenio Mozzi. In occasione del 9° anniversario della marcia su Roma, nell'ottobre 1931, il Ponte Druso fu aperto al traffico. Il ponte abbraccia il Talvera e collega le nuove aree residenziali di Viale Venezia e Via Roma con il centro storico della città e la stazione ferroviaria di Bolzano.

Il ponte non mirava solo a collegare la vecchia Bolzano ai nuovi e moderni quartieri della città, ma allo stesso tempo a indicare un passato romano, e quindi italiano, che non esisteva in questa forma. Per accogliere questa "italianità", Miozzi sceglie come elementi portanti una modalità di edificazione monumentale, con grandi blocchi di pietra tagliata in porfido e un rivestimento continuo dello stesso materiale. Le parti portanti del ponte, accuratamente nascoste, sono tuttavia realizzate in cemento armato secondo le esigenze pratiche.
Le due colonne portanti centrali sono state rialzate e, nella loro forma allungata, sono state poste le basi per le sculture monumentali. Sopra i fasci littori giaciono le aquile romane create da Vittorio Morelli che troneggia su un globo. Un totale di 8 metri di basamenti di aquila torreggiano minacciosamente sopra la carreggiata. Le sculture sono state rimosse solo negli anni settanta.

Pons Drusi. Il Ponte di Druso. Questo è uno dei nomi tradizionali della città, che oggi si chiama Bolzano. Druso, il figliastro dell' imperatore Augusto, avrebbe conquistato il nostro paese nella sua campagna lungo l'Adige. Il nome di Ponte Druso ricorda la forte enfasi di porre importanza sulle tradizioni romane durante il periodo fascista.

Oltre ai simboli fascisti di Bolzano, Ponte Druso è anche uno dei ponti più trafficati della città.

Alloggi consigliati

Dove dormire

Mangiare & Bere

Shopping

Cultura

Bici

Alla Homepage