I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Sentiero Birmehlweg

Chiusa Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Sentiero Birmehlweg

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    1:00 h
  • Distanza
    3.4km
  • Dislivello
    180 m
  • Dislivello
    180 m
  • Altitudine Max
    957 m
L'escursione anulare presso Verdignes conduce lungo il sentiero Birmehl al borgo Pardell e da li fino al maso Moor zu Viersch

Itinerario

Il sentiero »Birmehlweg« ha inizio presso la piazza del paese, a Verdignes, e toccando i prati aridi che ricoprono il lato meridionale del colle della chiesa, scende al borgo di Pardell, per poi risalire fino al Maso Moar zu Viersch, immerso nel verde, e fare quindi ritorno, su un antico sentiero lastricato, al punto di partenza. 
Verdignes, una frazione del Comune di Chiusa, è una località di circa 500 abitanti situata sul versante soleggiato della Valle Isarco. La chiesa che si erge sul colle dell'abitato è consacrata a San Valentino. Menzionata la prima volta nel 1202, la costruzione sacra è, nei suoi tratti salienti, ancora romanica (vedi la torre campanaria) ma nella seconda metà del XIV secolo fu arricchita di elementi gotici (volta a crociera costolonata). Un prezioso affresco del XV secolo alla maniera del maestro Hans von Bruneck ne orna gli interni. 

Inizio dell'itinerario

Verdignes

Arrivo dell'itinerario

Verdignes

Specificazione

Stazioni lungo il sentiero anulare
3. Prati aridi sul colle della chiesa
Questi ambienti soleggiati aridi, spesso stepposi, offrono rifugio a rare specie animali e vegetali. In molti punti affiora in superficie il sottosuolo roccioso di fillade quarzifera (una roccia metamorfica). Per resistere alle avverse condizioni di questi ambienti aridi, le piante hanno sviluppato forme di crescita e adattamenti particolari: fitta peluria, foglie coriacee, aculei, organi atti all’accumulo di acqua, apparato radicale assai profondo. 

4. Gönna Keschtnwald: bosco di castagno 

Il castagno è l'albero caratteristico e al tempo stesso il »guardiano« della zona di mezza montagna della valle Isarco, sul versante più esposto al sole. Protagonista del paesaggio da ormai diversi secoli, in primavera risplende con i suoi fiori candidi, in autunno richiama i golosi con i suoi frutti e in inverno affascina con la maestosità del suo intreccio di rami. Le castagne (»Keschtn» nel dialetto locale), frutti nutrienti e gustosi, sono di proprietà dei contadini e rappresentano da secoli un'importante fonte di nutrimento (il cosiddetto »pane d'albero«). Oggi si trovano in vendita o possono essere degustate nell'ambito della tradizione del Törggelen proponendosi inoltre come ingrediente di tanti piatti raffinati. Per la sua lunga durata, il legno di castagno è particolarmente apprezzato nella realizzazione di filari di viti e di botti. 

6. Moar zu Viersch 
Il pregevole maso Moar (Mayr) di Fieres (Viersch, 870 m s.l.m.) fu acquisito nel 990 dal vescovo brissinese Albuin. Per molti secoli rifornì di alimenti le cucine del monastero maggiore. Dal 1645 al 1879 fu in proprietà ai signori von Troyer che nel 1720 vi fecero erigere la chiesetta di Santa Caterina. Devastato dalle fiamme nel 1878, il borgo rurale di Fieres fu successivamente ricostruito nelle forme che oggi presenta.

7. Birmehl 
Verdignes veniva deriso, in passato, definendolo il »paese della farina di pere« (Birmehldorf). Questo nomignolo si deve al fatto che la località, in passato fortemente rurale, era circondata da un gran numero di piante di pero. Da alcune varietà di pere, quelle che meglio si prestavano ad essere essiccate, si ricavava la farina di pere. I frutti, interi o privati del torsolo, venivano dapprima fatti essiccare per ottenere quelle che, nella parlata locale, sono note come »Kloazen« o »Kletzen« (pere secche, appunto). Per l'inverno si era soliti congelare quindi le pere secche oppure macinarle, per ottenervi la farina che un tempo era un ottimo sostituto dello zucchero, ancora troppo caro e riservato a pochi eletti. Lungo questo selciato sono stati piantati nuovi esemplari di castagno. 

8. Bangert

Con il termine »Bangert« o »Bamgart« si intende localmente un prato recintato su cui si coltivano, in maniera estensiva, alberi da frutto, in particolare antiche varietà di mele e pere, susine e arbusti bacciferi. Presso i poderi Hintner, Brunner, Rungger e Gosser, la località di Verdignes conserva ancora quattro di questi frutteti caratteristici. Su di essi crescono alberi antichi, che danno varietà molto rare di mele e pere (Köstliche, Kalterer, Böhmer, Goldparmäne, Plattlinger, Lederer, Stoanpepeller, Kanada, ecc.).

Parcheggio

Verdignes

Trasporto pubblico

Con il treno fino a Chiusa e con l'autobus fino a Verdignes.

Arrivo

Sull'A22 fino a Chiusa. Prendere l'uscita e passando per Velturno fino a Verdignes.

Fonte

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Mangiare & Bere

Shopping

Cultura

Alla Homepage