I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Passo Resia

Il paradiso per tutti i vacanzieri attivi!

Passati dalla città di Merano, si apre la Val Venosta con le sue numerose ricchezze storico-artistiche, culinarie e naturali. Alla fine di questo viaggio lungo i castelli medievali, le piantagioni di fragole dolci e le altere cave di marmo, si raggiunge l'area vacanza del Passo Resia.

Gli idilliaci villaggi di Resia, Curon e San Valentino alla Muta formano le principali località della popolare regione turistica – punto d’incontro delle frontiere di tre paesi, ovvero, il punto d’incontro degli impressionanti paesaggi montani della Svizzera, delle montagne austriache nonché delle affascinanti cime delle Alpi italiane. È qui che nasce il secondo fiume più grande d'Italia, un potente corso d'acqua che si snoda attraverso l'Alto Adige: la Sorgente dell'Adige dista solo pochi minuti a piedi da Resia. Ad est del Lago di Resia, a Vallelunga, si raggiunge la Palla Bianca, incastonato nell'affascinante mondo glaciale delle alte montagne.

Il Passo Resia conta meno di 3.000 abitanti, ma, durante l’arco dell’anno, richiama numerosi turisti e visitatori curiosi provenienti da località vicine e lontane. Il paradiso vacanziero è noto per le sue infinite attività estive e invernali. Il segreto della regione turistica, con un’estensione di sei chilometri sull’intera area del Passo Resia, è abbastanza evidente: l’imponente Lago di Resia con il suo famoso campanile sommerso dalle acque azzurre del lago.

Una torre sommersa dalle acque? Esatto, e vi raccontiamo il perché: fino a pochi decenni fa esistevano tre laghi; il Lago di Resia, il Lago di Curon e il Lago di San Valentino alla Muta. La fatale inondazione del lago nel 1950, non solo ha unito il Lago di Curon con il Lago di Resia, ma ben 163 case nei villaggi di Curon Venosta e Resia sono state ricoperte dalla superficie del lago alpino.

Numerose piste ciclabili e sentieri escursionistici si snodano dalla conca del Lago di Resia agli affascinanti paesaggi, attraverso boschi di abeti e prati in fiore meravigliosamente profumati e fino ai piedi dell'imponente massiccio dell'Ortles. Respirare, espirare. Ad altezze elevate vale la pena di mettere da parte per un momento la vostra mountain bike e allentare i lacci degli scarponi da trekking. Un breve riposo è un must: la travolgente vista vi invita ad ammirare il pittoresco altopiano lacustre del Passo Resia con le sue impressionanti cime innevate.

La vista sul lago permette di osservare gli amanti del surf (kitesurf), della pesca e anche alcuni coraggiosi nuotatori. L’estate a Resia - un eldorado per tutti i sensi! Ma anche la stagione calda deve lasciare spazio allo scintillante mondo invernale del Passo Resia. Le piste innevate dei comprensori sciistici di Belpiano, Malga San Valentino e Nauders fanno battere più forte il cuore di tutti gli appassionati degli sport invernali