I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Ora

La porta per il Sud

Il comune mercantile di Ora è uno dei luoghi più caldi dell’Alto Adige. Situato a 242 m s.l.m., si stende nella Bassa Atesina tra Bronzolo a Nord ed Egna a Sud. Nel passato è stato inondato dall’Adige, oggi questo paese è diventato una regione per gli amanti delle escursioni a piedi o in mountain bike.

Ora è situato in posizione centrale, così centrale che presto verrà costruita una circonvallazione per evitare che il traffico di passaggio sull’asse nord-sud passi attraverso il comune. Fino al 1963, il paese fu il punto di partenza della ferrovia della Val di Fiemme. Oggi sull’antico percorso dei binari c’è una pista ciclabile che porta, passando per San Lugano, fino in Trentino, in Val di Fiemme.

Il centro di Ora è contrassegnato da vicoli stretti e contorti. Il visitatore respira un’aria „meridionale“ passeggiando tra masi e poderi vinicoli. All’entrata meridionale del paese si trova la vecchia chiesa parrocchiale di Ora, la chiesa di San Pietro. A causa delle numerose inondazioni e dei conseguenti depositi di detriti, la chiesa di San Pietro oggi si trova cinque metri più bassa rispetto agli edifici circostanti. La chiesa risale all’undicesimo secolo ed è l’edificio più antico del comune di Ora. 

La chiesa di Santa Maria ad Ora rappresenta per così dire la seconda chiesa del luogo. A causa delle frequenti inondazioni dell’Adige,  la chiesa di San Pietro si trovava spesso sepolta sotto i detriti e per tale motivo era inaccessibile. Nel 1674 fu quindi costruita la chiesa di Santa Maria. Al riparo dalle inondazioni e dai depositi di detriti, l’attuale chiesa parrocchiale di Ora venne costruita nel centro storico del paese, nel cosiddetto paese alto.

Degno di nota è la collina di Castelfeder, situata sopra Ora. In origine un insediamento preistorico, poi romano ed infine medievale, oggi è un biotopo e una meta apprezzata per escursioni in famiglia. Soleggiato, scarno, coperto solo da erba e querce, questo colle di porfiro si mostra in una luce mediterranea. L’ampia vista sulla Bassa Atesina rende la permanenza su questa collina misteriosa ancora più interessante.  

Alla Homepage