I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Meltina

Clima mite, paesaggio dolce

Riparato dal vento, lo splendido paese di Meltina si trova sul Monzoccolo, appartenente alla mezza montagna, tra la Val d’Adige e la Val Sarentina. A 1133 m s.l.m., in una conca, il paese in inverno è addirittura più mite di Bolzano. I boschi di conifere nei dintorni e gli ampi pascoli rendono Meltina una zona amata dagli escursionisti e dai ciclisti di mountain bike.

Il vasto territorio comunale di Meltina è limitato a sud dal comune di Terlano e a nord dalla Val Sarentina, ad ovest da Verano e a est dalla frazione Valas del comune di San Genesio. Un paesaggio di verdi boschi di conifere, composti soprattutto da abeti e larici, circonda il piccolo paese. Più in alto, sul monte Salto, il paesaggio si trasforma in prati fioriti e pascoli. L’elevazione più alta di Meltina è la "Hohe Reisch", con la sua cima dei cosiddetti „ometti di pietra“, gli "Steinerne Mandln", a 2003 m.

Lo sviluppo geologico della regione di Meltina è particolarmente vario. Rocce vulcaniche e sedimentarie del permiano e triassico si alternano e formano così una composizione del suolo molto diversificata. Le piramidi di terra del territorio comunale di Meltina, originate da processi erosivi, raggiungono in parte una spettacolare altezza di 30 metri. Un fenomeno geologico, simile alle „buche di ghiaccio“ ad  Appiano nell’ Oltradige, si trovano ai piedi delle elevazioni di porfido delloTschaufen sul Salto, e sono chiamate le "buche fredde". Anche con temperature torride in estate, in queste cavità si raggiungono temperature appena al di sopra del punto di congelamento.

I primi insediamenti della zona di Meltina possono essere datati, in base a numerosi reperti della preistoria e protostoria, almeno al 2000 a. C. . "Lafenn“ o „Znol" sono nomi di masi o campi che rimandano inequivocabilmente ad attività di insediamenti celtici. L’origine del nome di Meltina non è ancora chiara. Probabilmente risale alla fortificazione longobarda di "Maletum" che fu distrutta verso il 590 dai Franchi.

Meltina è, a causa delle difficili condizioni paesaggistiche, raggiungibile solamente attraverso vie piuttosto lunghe da  Merano via Avelengo, da Terlano o San Genesio. Dopo la costruzione nel 1901 di una funivia per il trasporto merci da Vilpiano nella Val d’Adige fino a Meltina, nel 1922 venne costruita una semplice  funivia aerea sulla stessa tratta. Solo nel 1955 fu inaugurata la prima funivia per il trasporto di persone da Vilpiano fino alle vicinanze della località di Meltina.

Meltina, Frassineto, Vallesina e Salonetto sono le quattro frazioni che compongono il comune di Meltina. Una zona varia che è diventata famosa anche per la prima federazione di allevatori di cavalli Haflinger, fondata nel 1904 a Meltina

Alla Homepage