I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Sentiero-avventura degli Avelignesi

Monzoccolo
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Sentiero-avventura degli Avelignesi

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    1:00 h
  • Distanza
    2.4km
  • Dislivello
    10 m
  • Dislivello
    50 m
  • Altitudine Max
    1292 m
Le 12 bacheche di questo sentiero didattico-naturalistico rivelano interessanti informazioni sui famosi cavalli Avelignesi, che devono il nome al paese di Avelengo.

Itinerario

Per la precisione, il primo Avelignese “ufficiale” era originario di Sluderno in Val Venosta. Qui, nel 1874 nacque lo stallone 249 Folie, figlio di 133 El Bedavi XXII (metà orientale) e di una giumenta locale. Non a caso la mascotte Foly accompagna lungo il sentiero-avventura. La “vera” dimora degli Avelignesi divenne poi il Monzoccolo. In passato, numerose località di quest’area erano raggiungibili solo tramite mulattiere percorse a piedi o a cavallo. Questa circostanza e la scarsità di cibo portarono alla nascita di un piccolo destriero di montagna, tarchiato e senza pretese, che prese poi il nome di “Avelignese”.Le bacheche informative presentano l’evoluzione da animale da lavoro a cavallo per il tempo libero e le sue caratteristiche morfologiche, mentre le fotografie antiche riportano in vita i ricordi. Infine, la mascotte Foly rallegra tutti i bambini lungo questo sentiero interamente adatto anche alle carrozzine.

Dal parcheggio a pagamento/dalla fermata dell’autobus si segue la marcatura 2, oltrepassando il municipio di Avelengo e percorrendo via Bürgele (antica strada carrozzabile). Poco dopo avere raggiunto la strada in direzione di Falzeben, si imbocca a sinistra una stradina in fondo alla quale termina il sentiero-avventura, nella frazione di S. Caterina con l’omonima chiesetta.

Dopo avere ammirato il magnifico panorama dalla terrazza dell’Hotel Sulfner, si sale (¼ d’ora scarso) all’idilliaco laghetto omonimo. Soprattutto in estate, i dintorni di questo ex bacino d’irrigazione sono un’autentica meraviglia, popolata di ninfee, iris di palude, mestolaccia natante, innumerevoli girini, piccoli rospi, sfuggenti libellule e non solo: un emozionante paradiso per i bambini.

Ritorno come l’andata.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio e fermata dell’autobus di Avelengo

Arrivo dell'itinerario

Parcheggio e fermata dell’autobus di Avelengo

Parcheggio

Avelengo

Trasporto pubblico

Arrivo

In auto da Merano fino al parcheggio a pagamento dopo il tunnel sotto la chiesa di Avelengo. Ottima accessibilità anche con l’autobus pubblico da Merano

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

A caccia di leggende - Alto Adige - Dolomiti

Tab per le foto e le valutazioni