I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

San Vittore – Punta Su Quadreddu

Gallura
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour San Vittore – Punta Su Quadreddu

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    2:30 h
  • Distanza
    5.5km
  • Dislivello
    340 m
  • Dislivello
    340 m
  • Altitudine Max
    447 m
Dal passato industriale alla vetta più panoramica della città

Itinerario

Si parte dalla chiesetta di San Vittore, nella cui facciata si possono leggere vari fasi costruttive, circondata da ombrosi olivastri secolari. Sulla destra della chiesetta, una strada sterrata porta evidente in direzione della montagna. Si supera un cancello, sempre aperto, giungendo ai piedi della prima delle tre cave di pietra che segneranno l’inizio dell’escursione. Sulla sinistra la strada prosegue, fiancheggiata da alberi di gelso e di ginestra di Spagna, tra i quali spesso si aggirano grosse tartarughe. Si procede in salita, con vista che si apre sui campi sottostanti e la periferia settentrionale di Olbia. Si tiene sulla sinistra, a quota 215 circa, una deviazione che porta verso incompiuti villini e si prosegue sulla destra ancora in salita, immersi tra ginestre e cisto che ingombrano la sterrata abbandonata. Questa va definitivamente a morire a quota 295, dove si trova l’ultimo fronte di cava. Da qua il panorama è già abbastanza ampio e preannuncia la maestosità di quel che si incontrerà più in alto. Si prosegue in salita in direzione nordovest (presenti cartelli di legno) per un sentierino evidente in mezzo ai cespugli di cisto, fino ad una bella sella panoramica su Monte Pino e Monte Santu in direzione dell’interno. Da qui si traversa verso destra, direzione nordest, per sentiero sempre evidente ma più ingombro di vegetazione, fino ad uno stazzo in rovina a quota 417: qui è presente un bivio. Sulla destra, infatti, un sentiero evidente porta in direzione di Via Monte Plebi e di Monte Aspru, sulla cui cima si notano le antenne, mentre per proseguire si prende a sinistra in salita, tra la vegetazione, costeggiando una recinzione fino ad uscire dalla boscaglia nei pressi di un grosso recinto per animali in pietrame a secco. Da questo luogo, guardando verso sudovest, è molto evidente il cumulo di pietre di forma vagamente cilindrica che indica la cima di Punta Su Quadreddu. Sebbene durante tutta la salita si sia potuto apprezzare un vasto panorama, niente lascia presagire l’ampiezza degli orizzonti che si possono dominare da questo luogo e la sopresa è tanto più stupefacente in quanto la vetta di Punta Su Quadreddu si presenta tondeggiante, quasi modesta. Eppure dalla cima lo sguardo spazia dalla Corsica a Tavolara, dalle torri di San Pantaleo a quelle lontane di Padru e di Monte Nieddu, per spingersi all’interno sul Limbara e Monte Pinu. Naturalmente, al centro dello scenario col suo golfo tentacolare, la città di Olbia attrae lo sguardo come un imbuto. Si rientra all’auto per la via dell’andata o, predisponendo una seconda vettura, in direzione di Via Monte Plebi dal bivio allo stazzo sopra indicato.

Inizio dell'itinerario

Chiesa di San Vittore

Arrivo dell'itinerario

Punta Su Quadreddu

Parcheggio

Spiazzo sterrato

Trasporto pubblico

Autobus urbani della città di Olbia per San Vittore

Arrivo

Dalla circonvallazione di Olbia si prende Via Veronese, poi Via San Vittore fino alla chiesetta, segnalata con una deviazione dalla strada principale.

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Federica Raffini

Tab per le foto e le valutazioni