I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Rogge intorno a Sluderno

Sluderno
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Rogge intorno a Sluderno

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    1:50 h
  • Distanza
    7.8km
  • Dislivello
    360 m
  • Dislivello
    370 m
  • Altitudine Max
    1302 m

Itinerario

Dal parcheggio del Museo risaliamo brevemente la vecchia strada del castello, proseguendo poi lungo la via n. 20 fino al Maso Vernol. Da qui, sul sentiero n. 17, scendiamo a sinistra al Rio ­Saldura, che costeggiamo tornando a Sluderno.

Più lunga (una buona ora e 180 m di dislivello in più) ma assai più appagante è la camminata da Vernol lungo il sentiero della roggia (Bergwaal, segnavia n. 20) che entra nella gola di Saldura, con ritorno dal Tobel lungo il sentiero del “Leitenwaal“: si tratta di una delle più affascinati escursioni del genere in Val Venosta. Da ­Ganglegg scendiamo alla roggia “Griggwaal“ seguendo il segnavia n. 18A, lungo il cui sentiero torniamo in paese.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio dietro il Museo della Val Venosta

Arrivo dell'itinerario

Parcheggio dietro il Museo della Val Venosta

Specificazione

Storia e sentieri delle rogge a Sluderno

Castel Coira troneggia in posizione dominate sopra Sluderno. Il vescovo di Coira Enrico IV di Monfort, al cui vescovado la valle all’epoca apparteneva, fece erigere il maniero originario come “contrappeso“ ai ribelli signori di Matsch (Mazia), al contempo balivi e sotto molti aspetti anche un po’ cavalieri predoni. Non desta quindi meraviglia che il castello dopo soli quarant’anni abbia cambiato proprietario; i castelli Mazia di Sopra e di Sotto in confronto parevano dei nidi di corvo. Nel 1505 Castel Coira divenne proprietà dei Conti von Trapp e lo è tutt’ora (quando la bandiera sventola sull’asta è presente in loco la famiglia comitale). Grazie a loro la rocca divenne uno splendido maniero rinascimentale, oggi visitabile (solo con guida). E lungo la via che porta al castello abbiamo un saggio del “dry humor“(spesso involontario) dei Venostani: “Tutto è bene quel che finisce bene. Che Dio abbia pietà di lui.“, si legge su un “Marterle“, una targa che ricorda la vittima dello scoppio di un mortaretto... che probabilmente sarebbe stata di opinione ben diversa.

L’escursione ad anello, non proprio breve, porta alla collina di Ganglegg, un insediamento fortificato dell’età del bronzo, del ferro e di epoca romana. Svariate opere di difesa, in ottimo stato di conservazione, sono state restaurate e dotate di copertura, vi sono anche due case ricostruite e tutta l’area è visitabile lungo un sentiero circolare con pannelli informativi. Gli spettacolari reperti del sito sono esposti al Museo della Val Venosta a Sluderno.

Il museo vale assolutamente una visita. Tre mostre permanenti sono dedicate ad altrettanti temi: l’emigrazione, l’irrigazione e la Val Venosta arcaica. A queste si aggiungono speciali mostre ed eventi temporanei. I cosiddetti “Schwabenkinder“ erano quei bambini o ragazzi che per secoli d’estate sono migrati dalla Val Venosta in Svevia (Schwaben) per aiutare lavorando – in condizioni talvolta disumane – la propria famiglia a sbarcare i lunario. L’irrigazione ha sempre rivestito un’importanza fondamentale nell’economia rurale dell’arida Val Venosta. La mostra offre una panoramica dei sistemi d’irrigazione locali, dalle antichissime rogge (Waale) ai moderni impianti a pioggia. Vengono illustrate anche arcaiche usanze, alcune delle quali ancora vive, collegate all’irrigazione e alle stagioni.

E vale la pena anche fare una puntata al vicino “Vinschger Dorf­lodn“ con i suoi molti prodotti regionali tipici e biologici. Davanti al punto vendita ci sono posti a sedere per piacevoli degustazioni.

Parcheggio

Parcheggio dietro il Museo della Val Venosta

Trasporto pubblico

Arrivo

Si percorre la Val Venosta fino a Sluderno, raggiungibile anche in autobus o treno

Fonte

Cover_facili_passeggiate_alto_adige
Autore:
Leo Brugger
Dal libro:
Facili passeggiate

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Facili passeggiate

Tab per le foto e le valutazioni

Shopping

Cultura

Alla Homepage