I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Nuraghe Urceni

Ogliastra
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Nuraghe Urceni

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    3:30 h
  • Distanza
    10.2km
  • Dislivello
    170 m
  • Dislivello
    170 m
  • Altitudine Max
    957 m
Una facile camminata sul tacco di Osini

Itinerario

Si prende la strada asfaltata di sinistra, scendendo leggermente con un ampio tornante, per trovarsi in un lungo rettilineo fiancheggiato dalla lecceta e da alcuni pini opera di rimboschimento. Superata una cabina di trasformazione elettrica, si perviene alla deviazione sulla sinistra per Nuraghe Orruttu, che si raggiunge in pochi passi. La grossa mole del nuraghe spicca dalla pianura, purtroppo collassata su se stessa. Nei pressi si trovano alcune tombe dei giganti, di difficile individuazione. Si ritorna sulla strada, tralasciando la successiva deviazione e si incontra un ulteriore segnale che porta a Nuraghe Sanu. Questo è leggermente più distante dalla strada, ma la sua struttura è meglio conservata, anche se la camera centrale è comunque non visitabile a causa dei crolli. Ritornati alla strada, si giunge rapidamente alle strutture ricettive del Ristorante – Hotel San Giorgio, dove la strada si sterra: volendo, è possibile posteggiare anche in questo luogo. Dal ristorante San Giorgio si prosegue sulla strada sterrata in direzione Ovest, nel bosco, in piano o leggera discesa. La strada piega ben presto sulla destra, in direzione nord, costeggiando un rilievo calcareo isolato, parzialmente rimboschito, in prossimità del quale si costeggia una striscia frangifuoco e si prosegue in discesa, fino ad incontrare un bivio. Qui si prende a destra, incominciando a salire sempre su una buona sterrata che si tiene leggermente alta rispetto ad un piccolo corso d’acqua. La strada compie una curva, quasi un tornante, nel cui gomito è possibile inoltrarsi sotto i pioppi e gli ontani per giungere alla Funtana Urceni, una bella sorgente di contatto che era sicuramente fondamentale per la sopravvivenza dell’insediamento preistorico vicino. Nei pressi della sorgente è presente anche una area attrezzata per la sosta. Si ritorna sulla sterrata principale, cominciando a salire su terreno via via più spoglio di vegetazione a causa dei tagli e degli incendi. Si incontra un bivio: procedendo sulla sinistra si potrebbe collegare con una lunga sterrata panoramica questo luogo a Nuraghe Serbissi. Si procede invece a destra dove, pochi metri dopo, è possibile scorgere su un rilievo sopra la strada la piccola ma elegante torre di Nuraghe Urceni, costruita su una piccola parete rocciosa. Si prosegue per pochi metri sulla sterrata per individuare, sulla sinistra, un sentierino che si inoltra tra i lecci e permette di raggiungere la torre. Questa è preceduta da un piccolo villaggio di capanne preistoriche, assai ben conservate in alzato, la cui posizione sulla cresta, unita al panorama notevolissimo che si gode dalla torre, è senza dubbio il punto di forza del sito. Dalla cima della torre, raggiungibile in pochi passi, si gode infatti uno splendido panorama sulla parte meridionale del taccu di Osini in direzione di Ussassai, un’area selvaggia e priva di insediamenti. Si ritorna alla sterrata, proseguendo stavolta in direzione nordest in piano o leggera salita, su una bella sterrata panoramica, circondata di lecceta rada e alcuni alberi di rimboschimento a conifere. La strada percorre un lungo tratto panoramico a mezza costa in direzione est, poi risale e si porta sull’altopiano soprastante, dove si incontra un bivio. Si prende a destra, nuovamente su strada asfaltata, percorrendo un paio di tornantini in discesa e giungendo al luogo in cui si era posteggiata l’auto.

Inizio dell'itinerario

Spiazzo presso la Scala di San Giorgio

Arrivo dell'itinerario

Spiazzo presso la Scala di San Giorgio

Parcheggio

Spiazzo sterrato

Trasporto pubblico

Autobus per Osini

Arrivo

Osini si raggiunge dalla SS 389 tra Lanusei e Nuoro. Si devia seguendo le indicazioni per Monte Tonneri – Monte Arbu – Lago Alto del Flumendosa, su un breve ponticello (il bivio è al km 174,3, alcuni km prima del centro abitato di Lanusei per chi proviene da Nuoro).  Superato il ponte ed il successivo passaggio a livello si prende a sinistra. Si segue la strada asfaltata fino alla frazione di Taquisara, da cui si seguono le indicazioni per Gairo – SS 198. Si prosegue per pochi chilometri in direzione Gairo, incontrando poi un bivio dove si seguono le indicazioni per Osini, distante 4 km sulla SP11. Dall'abitato di Osini si seguono le indicazioni per la Scala di San Giorgio, oppure quelle per il Nuraghe Serbissi. La strada raggiunge la parte alta dell'abitato e poi, effettuati alcuni tornanti in mezzo al bosco, ci si trova  improvvisamente davanti ad una stretta spaccatura nella parete, fino a questo punto apparsa invalicabile, nel sito straordinario detto Scala di San Giorgio. Si prosegue lungo la rotabile fino a quando essa sale definitivamente sul taccu e si giunge ad un bivio, con due strade asfaltate: si parcheggia l'auto in prossimità della deviazione.

Fonte

Missing
Autore:
Matteo Cara
Dal libro:
Matteo Cara - Sentieri

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Matteo Cara - Sentieri

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire