I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Escursione alla Malga Tufer in Alta Val d‘Ultimo

St.Gertraud Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Escursione alla Malga Tufer in Alta Val d‘Ultimo

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    2:30 h
  • Distanza
    7.6km
  • Dislivello
    450 m
  • Dislivello
    450 m
  • Altitudine Max
    2138 m
Nei prati che circondano la Malga Tufer il tempo sembra essersi fermato. L’erba viene ancora falciata mano e il fieno viene caricato sulle “Kraxen“ (specie di gerle di legno) e portato nelle “Schupfen“ (baite-fienili). D’inverno lo si trasporta a valle con una slitta.

Itinerario


Ai Masi Pilsen (parcheggio limitato lungo la strada) ha inizio il sentiero N. 141, che porta al Maso Oberjochmair. Poco dopo lo stesso si dirama a sinistra il sentiero che va alla Malga Tufer. Qui s’incontra l’Alta Via della Val d’Ultimo (segnavia N. 12), lungo la quale si cammina in direzione della Malga Hinterer Flatschberg (gestita). Poco prima si svolta a destra e si procede verso l’imbocco della valle lungo il sentiero N. 143 fino alla Malga Vorderer Flatschberg e da qui a un bivio in corrispondenza di un tornante. Dallo stesso ha inizio il sentiero N. 144 che riporta al Maso Oberjochmair e al punto di partenza.

Inizio dell'itinerario

Masi Pilsen

Arrivo dell'itinerario

Masi Pilsen

Specificazione

I prati alpini si sono sviluppati in gran parte su terreni disboscati dai nostri predecessori. Il letame di stalla ben maturo disponibile in loco era usato come concime per aumentare un po‘ il raccolto del fieno. Lo sfalcio annuale fornisce fieno alpino d’alta qualità e al contempo impedisce che i prati, invasi da piante pluriennali, inselvatichiscano. Lo sfalcio dei prati alpini si effettua di solito a partire da metà luglio, in modo elastico, a seconda delle condizioni meteo e del tempo a disposizione, senza che il fieno subisca delle significative perdite di qualità. Ma questi prati sono importanti anche dal punto di vista naturalistico perché vi cresce una gran varietà di fiori, che a loro volta sono alla base della vita di un numero ancora maggiore di specie d’insetti. Alcune parti della Malga Tufer non vengono quasi concimate e i prati magri che ne sono risultati presentano una biodiversità ancora maggiore. Accanto alle orchideacee nostrane qui ci sono ad es. la brunella e l’anemone giallo, due tipici indicatori dei manti prativi allo stato naturale.

Parcheggio

Masi Pilsen, pochi parhceggi lungo la strada.

Trasporto pubblico

Arrivo

Lana – Val d‘Ultimo – direzione Lago Fontana Bianca

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire

Shopping

Natura

Cultura

Alla Homepage