I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Da Antermoia al Monte Muro

San Martino in Badia Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Da Antermoia al Monte Muro

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    4:00 h
  • Distanza
    10.1km
  • Dislivello
    700 m
  • Dislivello
    700 m
  • Altitudine Max
    2326 m
Nella zona del Passo di Luson l’ultima neve si scioglie a maggio; l’acqua di fusione forma tanti piccoli stagni. Questi biotopi acquatici di durata limitata offrono un habitat ideale al tritone alpino.

Itinerario


Il sentiero N. 20B ha inizio al di sopra di Antermoia (ladino Antermëia) e sale per prati e boschi al Passo di Luson. Da lassù, proseguendo lungo i sentieri N. 1A e N. 26, si può ascendere al Col dal Lech che offre una stupenda vista panoramica sul Sass de Putia e la Val Pusteria. Sulla via del ritorno si resta sul sentiero N. 1A che porta al Monte Muro per scendere poi al rifugio omonimo. Si cammina sul sentiero N. 1 in direzione Passo delle Erbe e a un tornante si svolta a sinistra. Si torna ad Antermoia lungo il sentiero 1B.

Inizio dell'itinerario

Antermoia

Arrivo dell'itinerario

Antermoia

Specificazione

Attorno al Passo di Luson e sul Col dal Lech (in ladino “Lech“=lago) durante lo scioglimento delle nevi si formano stagni grandi e piccoli. Si tratta di depressioni che si riempiono d’acqua solo temporaneamente e poi si prosciugano di nuovo. Quelli più grandi si trovano in prossimità dei laghi di Rina, a monte del Passo di Luson. Nonostante la loro discreta dimensione non sopravvivono ai caldi mesi estivi. Questi specchi d’acqua al di sopra del limite boschivo offrono al tritone alpino condizioni ideali per deporre le uova. Come tutti gli anfibi per riprodursi ha bisogno dell’acqua; depone le uova singolarmente sulle piante acquatiche. Durante il periodo dell’accoppiamento, tra maggio e giugno, i tritoni assumono una colorazione particolarmente vivace; la loro parte inferiore color arancione balza agli occhi di ogni osservatore. Le femmine della specie, un po‘ più grandi dei maschi e dal colore grigio-bruno marmorato, sono relativamente poco appariscenti. Con un po’ di fortuna i tritoni sono ben osservabili proprio sul fondo degli stagni, occupati nei corteggiamenti. Al di fuori del periodo riproduttivo il tritone alpino, che si nutre d’insetti, lumache e vermi, staziona in luoghi umidi, dove si fa vedere piuttosto raramente.

Parcheggio

Il sentiero n. 20B parte al parcheggio al di sopra di Antermoia.

Trasporto pubblico

Arrivo

Percorrere la val Pusteria fino a San Lorenzo. Da li deviare per la val Badia fino a San Martino in Badia e fino ad Antermoia.

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Mangiare & Bere

Natura

Cultura

Altrui

Alla Homepage