I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Ai piedi del Sasso di Santa Croce

La Val - La Valle Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Ai piedi del Sasso di Santa Croce

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    4:00 h
  • Distanza
    10.5km
  • Dislivello
    610 m
  • Dislivello
    610 m
  • Altitudine Max
    2130 m
Mentre l’attuale forma arrotondata delle praterie alpine è dovuta all’azione dei ghiacci dell’ultima era glaciale e alla successiva erosione nel periodo alluvionale, la varietà degli ecosistemi, della flora e della fauna è da ricondurre all’opera dell’uomo.

Itinerario


Il sentiero N. 15 s’inizia al parcheggio dell’abitato di Spëscia. Si va per boschi e malghe ai noti prati di Armentara, che si estendono proprio ai piedi dell’imponente Sasso di Santa Croce (o Sasso della Croce, “Sas dla Crusc“ in ladino). Da lì si sale al Santuario “Sasso della Croce“ e al vicino rifugio-ospizio. La chiesetta nel corso dell’anno è meta di ripetuti pellegrinaggi da parte degli abitanti dei circostanti paesi della Val Badia; ma ci vengono anche i fedeli della Val Pusteria e della Val d’Isarco. Dalla frazione Sas dla Crusc si segue il sentiero N. 15B, che porta all’abitato di Spëscia snodandosi ai piedi del Sasso di Santa Croce. Lì s’incontra il sentiero N. 13A lungo cui si torna al punto di partenza.

Inizio dell'itinerario

Borgo Spëscia

Arrivo dell'itinerario

Borgo Spëscia

Specificazione

Quasi nessun’altra zona dell’Alto Adige può vantare una varietà di biotopi pari a quella dei prati di Armentara. Zone umide, prati magri e pingui, aree incolte e praterie punteggiate di larici convivono su una superficie molto limitata. Nel 1988 l’Ufficio Parchi Naturali dell’Alto Adige ha commissionato uno studio scientifico sull’intera area (c. 300 ha), focalizzato soprat- tutto sulla sua flora e fauna avicola. Già i risultati dello studio sugli uccelli sono notevoli; si sono potute contare 61 differenti specie di volatili. Un numero impressionante per quest’area relativamente piccola e anche abbastanza in quota, dato che si estende dai 1600 ai 2000 m di altitudine. Si sono potute osservare inoltre specie rare come la civetta capogrosso e quella nana, il fagiano di monte e i picchi nero e tridattilo. Si sono potute contare anche 15 coppie della rarissima averla piccola.

Parcheggio

Parcheggio Spëscia

Trasporto pubblico

Con il treno fino a San Lorenzo e con l'autobus in Val Badia fino a La Valle.

Arrivo

Percorrere la val Pusteria fino a San Lorenzo, li deviare per la val Badia e attraverso Pederoa fino a La Valle.

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Shopping

Cultura

Alla Homepage