I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

40 Alla Riserva di Corna Piana

Vallagarina-Rovereto
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 40 Alla Riserva di Corna Piana

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    3:00 h
  • Distanza
    6.0km
  • Dislivello
    260 m
  • Dislivello
    270 m
  • Altitudine Max
    1685 m
Il Monte Baldo costituisce uno dei rilievi prealpini più studiati da geologi e botanici per la ricchezza e l’originalità della sua flora, tanto da meritarsi fin dal Cinquecento l’appellativo di Hortus Europae. Una spiegazione è rintracciabile nell’esclusione dalle ultime glaciazioni del Quaternario di alcune sue cime, con la conseguente sopravvivenza di specie vegetali preglaciali altrove estinte e oggi note con la qualifica di endemismi (baldensis). Altri motivi che sottolineano la preziosità geografica di quest’area sono le diverse situazioni climatiche (i microclimi), segnati anche dalla potente influenza termoregolatrice del vicino Lago di Garda e dalla diversità di composizioni chimiche dei sui territori, nati dallo sbriciolamento delle rocce circostanti. Per preservare tanta ricchezza è stata creata nel 1972 la Riserva naturale guidata di Corna Piana (52 ettari) distesa tra i 1500 e i 1700 metri di quota che, insieme al sottostante Altopiano di Bes (100 ettari), rappresenta – anche se è la più piccola delle riserve naturali provinciali – un’isola di rifugio per piante e insetti (non uscire dai sentieri segnati!).

Itinerario

Si parte dalla Bocca del Creer/Rifugio Graziani (1617 m), ai piedi del Monte Altissimo di Nago, montagna che richiede ore 1.15 per arrivare sulla sua cima (2079 m; Rifugio D. Chiesa: tel. 0464 867130). Dal Graziani partono inoltre diversi emozionanti itinerari, anche per mountain bike e a cavallo, che trovano appoggio in rifugi attrezzati. Dal rifugio si seguono le indicazioni Sat n. 633 e poi n. 650, un sentiero che aggira la cresta di Corna Piana e guida a Malga Bes (1506 m; ore 0.30), alpeggiata, costituita dallo stallone, la casa del malgaro e la porcilaia con il tetto coperto da lastre di pietra come è uso sul Baldo. In un paesaggio ondulato s’imbocca la strada bianca a destra che, attraverso un arioso bosco di antichi faggi, scende sulla strada provinciale (ore 0.30). Pochi metri su asfalto direzione Rifugio Graziani e un raccordo scende in pochi minuti al Rifugio Fos- Ce (1430 m), ideale per un ristoro. Si ritorna sulla S.P. e, tagliando due tornanti attraverso i prati (se il pascolo lo consente), si segue il tracciato che porta a Malga Canalece (solo monticata), trovando l’indicazione a destra per Corna Piana. Si sale così dunque sulla cresta per attraversare la Riserva Naturale di Corna Piana, particolarmente interessante per le specie botaniche. Immersi in questo fantastico mondo naturale si scende al Rifugio Graziani (ore 1.45).

Variante

Dalla Malga Canalece si può proseguire sul sentiero attraverso i pascoli ed arrivare direttamente al Rifugio Graziani (ore 0.15).

Inizio dell'itinerario

sulla S.P. presso Rifugio Graziani

Arrivo dell'itinerario

sulla S.P. presso Rifugio Graziani

Parcheggio

sulla S.P. presso
Rifugio Graziani

Trasporto pubblico

Arrivo

da Rovereto sulla S.S. 12 fino al bivio per la S.S. 240 fino a Mori quindi S.P. 3 fino al Rifugio Graziani (16,5 km); da Brentonico servizio navetta estivo

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Le più belle gite: Rovereto e dintorni con Gresta, Brentonico, Pasubio e Folgaria

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire

Shopping

Alla Homepage