I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

37 Da Terlago il giro del lago

Valle dei Laghi
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 37 Da Terlago il giro del lago

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    2:20 h
  • Distanza
    4.9km
  • Dislivello
    60 m
  • Dislivello
    60 m
  • Altitudine Max
    474 m
Il Lago di Terlago (350.000 m2), carsico e d’erosione glaciale intervalliva, si presenta nella forma «a otto»: la porzione più grande è balenabile (profondità max 11 m) e dotata di Lido, quella piccola è una palude creatasi per le trascorse bonifiche agrarie (oggi biotopo provinciale). Assieme ai sovrastanti Laghi Santo e di Lamar – ai quali è collegato tramite una rete di cavità carsiche – faceva parte di un sistema di cinque laghi: Terlago starebbe infatti per inter-lacus o trans-lacum, ovvero tra i laghi. In epoca romana questo territorio costituiva un nodo viario tra la Valle dell’Adige e la Valle del Sarca: da qui una strada saliva a Sopramonte, passava per Sardagna e scendeva a Trento, mentre un’altra da Sopramonte proseguiva per Cavedine; un’ultima via, infine, da Terlago raggiungeva Padergnone dove si biforcava per Vigo Cavedine e per Dro. Ma la conca di Terlago venne frequentata ancor prima, come confermano i ritrovamenti risalenti al Tardo Paleolitico (10 mila anni a. C.) conservati presso il Museo delle Scienze di Trento.

Itinerario

Dalla piana di Terlago (416 m) si lascia il dossetto con la chiesa di San Pantaleone – costruita nel 1537 su una precedente della quale rimane all’esterno l’originario arco santo con affrescate le sacre ampolline e il libro della Bibbia (sconsacrata e normalmente chiusa) – e si continua sulla strada verso Terlago; un sentiero sulla destra guida al biotopo di Terlago (passerelle, torrette). Raggiunta la strozzatura del lago (ore 0.40) si prosegue sulla sua sponda orientale tra i detriti del suo immissario e le lóre, gli inghiottitoi carsici che provvedono al deflusso delle acque di colore bruno-olivastro per la flora sommersa, che dà vita a specie pregiate, vero paradiso per i pescatori. Superato il Lido si continua su spiagge di ghiaia, formazioni di rosso ammonitico e carsiche, lastroni di roccia montonati e incisi nei campi carreggiati fino a imboccare la strada bianca che sale a Terlago (456 m; 1 ora); in alternativa si può costeggiare il lago. La via per Val Manega conduce al castello di Terlago (privato), circondato da un lungo muro, la cui funzione nel Medioevo era quella di offrire in caso di pericolo ricovero alle famiglie, mentre durante il Concilio di Trento (1545–1563) venne scelto dai prelati – assieme ad altri palazzi (Tabarelli de Fatis, Cesarini Sforza, Altenpurger) – per il clima mite del luogo. Si scende al lago tra i vigneti di via Omigo e, costeggiando la sponda occidentale, si rientra a San Pantaleone (ore 0.40).

Variante

Il comune di Terlago è interessato dal percorso «Terlago bike tour» (km 43), che tocca anche i sovrastanti Laghi Santo e di Lamàr.

Inizio dell'itinerario

chiesa di San Pantaleone

Arrivo dell'itinerario

chiesa di San Pantaleone

Parcheggio

parcheggio presso i vicini impianti sportivi

Trasporto pubblico

da Trento / Stazione autobus extraurbano n. 206

Arrivo

da Trento sulla S.S. 45Bis fino a imboccare la S.P. 18 per Terlago (8,5 km)

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Le più belle gite: Trento e dintorni con Calisio, Marzola, Vigolana e Bondone

Tab per le foto e le valutazioni

Alla Homepage