I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

34 Dalle Viotte alla Rosta

Valle d'Adige - Trento
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 34 Dalle Viotte alla Rosta

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    2:30 h
  • Distanza
    9.5km
  • Dislivello
    400 m
  • Dislivello
    400 m
  • Altitudine Max
    1805 m
Al centro della conca delle Viotte / Viote v’è una torbiera (Palù), originata dall’intorbamento di un lago formatosi al ritiro dei ghiacci würmiani: è un’area protetta, censita dalla Società Botanica Italiana nel 1971 quale biotopo di rilevanza nazionale (reperti dal Paleolitico all’età del Ferro). Nella piana delle Viotte trova spazio anche il Giardino Botanico Alpino: 10 ettari di paesaggio movimentato da laghetti e ponticelli, con aiuole dedicate alla flora alpina, prealpina, appenninica e con specie botaniche provenienti dai diversi gruppi montuosi della Terra. Qui, coltivando le specie alpine a rischio di estinzione e conservandone i semi, si difende la biodiversità vegetale (Centro visitatori, Museo delle Scienze di Trento, luglio–agosto). In estate i prati di questa passeggiata vengono sfalciati per i benefici bagni di fieno (Garniga Terme, Vigolo Baselga), mentre in inverno sono percorsi da sciatori ed escursionisti con le ciaspole (racchette da neve).

Itinerario

Dal parcheggio delle Viotte (1563 m) si cammina sulla strada per Garniga fino a uno slargo (piccolo parcheggio in estate); sulla destra si segue il sentiero Sat n. 607 che risale la Val d’Eva lasciandosi dietro la torbiera, oggi biotopo. Toccati i pochi ruderi del casino di caccia dei Conti Wolkenstein, poi riedificato dal principe vescovo di Trento Carlo Madruzzo (XVII sec.), si continua in costante salita in un paesaggio da prateria caratterizzato da bassi mughi con direzione Bocca di Vaiola (1778 m; 1 ora), presso la quale è sempre aperto il riparo El Casòt. Attraverso i pascoli di quota si raggiunge la conca prativa superiore quindi si risale il crinale sul sentiero Sat n. 618 che corre sotto la cima della Rosta (1837 m; ore 0.25) affacciata sulla Valle dei Laghi e panoramica sull’intero Gruppo di Brenta. Si scende a destra verso la valletta entrando in un boschetto, quindi zigzagando si sbuca sulla S.P. 85 (ore 0.45) da dove s’imbocca la strada bianca che si congiunge con il sentiero Sat n. 621 che guida al Giardino Botanico Alpino, quindi alle Viotte fiancheggiando un grande parco giochi per bambini (ore 0.20).

Variante

Dalla Rosta si può rientrare direttamente al parcheggio delle Viotte: al termine del bosco si passa per la «Terrazza delle Stelle» dove in estate il Museo delle Scienze organizza appuntamenti astronomici per osservare le stelle.

Inizio dell'itinerario

piana delle Viotte (parcheggio)

Arrivo dell'itinerario

piana delle Viotte (parcheggio)

Parcheggio

piana delle Viotte (parcheggio)

Trasporto pubblico

da Trento / Stazione autobus extraurbano n. 202

Arrivo

da Trento sulla S.P. 85 si sale sul Monte Bondone; al Passo del Vason (si scende alle Viotte (26 km)

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Le più belle gite: Trento e dintorni con Calisio, Marzola, Vigolana e Bondone

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire