I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

31 Da Cadine sul Doss de la Groa

Valle d'Adige - Trento
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 31 Da Cadine sul Doss de la Groa

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    3:15 h
  • Distanza
    9.6km
  • Dislivello
    360 m
  • Dislivello
    370 m
  • Altitudine Max
    858 m
Sopramonte, fino al 1926 comune autonomo oggi Circoscrizione di Trento, è protetta a est dal Doss de la Groa (Castelàr de la Groa), fortificato ancora all’epoca dei Corpi Franchi per la sua posizione strategica a controllo della stretta del Bus de Vela. Durante la Prima guerra mondiale questo fortino naturale basato su tre ordini concentrici divenne caposaldo della seconda linea difensiva della città di Trento, in collegamento con i sottostanti forti Doss di Sponde di Cadine (privato) e Bus de Vela (proprietà provinciale; vedi itinerario 30). Prima ancora, andando indietro nei Millenni, qui si erano stanziate genti di una civiltà medio-alpina risalente al XII secolo a. C. (età del Bronzo), detta della «Cultura di Luco», caratterizzata da particolari vasi tronco-conici; inoltre, sul Doss de la Groa passava il tracciato della strada romana che da Trento saliva – attraverso Sardagna – a Sopramonte in direzione Valle dei Laghi, evitando così l’insidioso Bus de Vela.

Itinerario

Da Cadine (497 m) si segue via del Capitello tra i frutteti, quindi si attraversa la S.S. alla volta di Sopramonte (655 m; ore 0.25) raggiungendo la chiesa parrocchiale del Sacro Cuore, eretta nel 1845 al posto della trecentesca chiesa di San Valentino (rimane testimone il campanile romanico). Si sale lungo via della Belina e si prende a sinistra via al Palù, che attraversa un’area un tempo paludosa oggi coltivata a frutteti. È il sentiero «Sopramonte – Sardagna», il tracciato della strada militare che portava alle fortificazioni sul Monte Bondone. Si continua nel bosco fino a raggiungere, sul tornante della S.P. 85, il Passo del Camponcino (ore 0.50; 811 m; fontana della sorgente del Rio di Vela: l’Acqua fresca de Camponzin). Nell’area attrezzata una tabella descrive il «Sentiero del Castelàr de la Groa» (ore 1.10): un anello che in parte ricalca la strada militare che risale la sommità del castelliere (873 m), interessante anche per la morfologia carsica a campi carreggiati (Karren). Si vanno a vedere postazioni di artiglieria (mitragliatrici), tratti di trincee austriache scavate nella roccia e altre un tempo rivestite di calcestruzzo, tre stói, cavità nella roccia utilizzate come deposito di munizioni e una quale alloggiamento per le truppe, quattro batterie con cannoni, di cui sono stati rinvenuti i resti di proiettili. Al Passo Camponcino si rientra sulla via dell’andata (ore 0.50).

Variante

Da Maso Camponcino indicazioni per Sardagna (565 m; ore 0.45) e da qui per Trento con funivia.

Inizio dell'itinerario

Cadine, piazza della Regola (parcheggio)

Arrivo dell'itinerario

Cadine, piazza della Regola (parcheggio)

Parcheggio

Cadine, piazza della Regola (parcheggio)

Trasporto pubblico

da Trento / Piazza Dante autobus n. 6

Arrivo

da Trento sulla S.S. 45Bis fino a Cadine (6 km)

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Le più belle gite: Trento e dintorni con Calisio, Marzola, Vigolana e Bondone

Tab per le foto e le valutazioni

Alla Homepage