I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

23 Auf die Cima Comer

Alto Garda
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 23 Auf die Cima Comer

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    3:30 h
  • Distanza
    7.4km
  • Dislivello
    740 m
  • Dislivello
    730 m
  • Altitudine Max
    1267 m
A differenza della sponda orientale del lago di Garda, la cui ripidezza sta gradualmente diminuendo, che già si presenta in allegria mediterranea all'altezza delle Torri del Benaco, la transizione sul versante occidentale avviene in modo piuttosto brusco: la roccia grigia cade quasi verticalmente nell'acqua a nord di Gargngano, pochi chilometri più a sud, un paesaggio quasi paradisiaco. Questo contrasto è particolarmente evidente con il Cima Comer (1281 m), l'ultima montagna "costruita sull'acqua". Dalla sua cima si può vedere quasi tutto il lago, fino allo stretto promontorio di Sirmione, dove il nord alpino è già lontano. La salita dal paese di Sasso è la più bella, in quanto segue il crinale sud-ovest del massiccio montuoso, il che significa: bosco a sinistra, ripida discesa a destra - a volte molto vicino. Quindi ci sono sempre panorami fuori e dentro, sull'acqua e sul Monte Baldo. Sulla strada per la cima non perderai la piccola deviazione per l'ex eremo di San Valentino - 15 min. andata e ritorno. L'Eremo - costruito nel XVII secolo dai sopravvissuti a un'epidemia di peste - si nasconde nelle aspre scogliere. Un luogo suggestivo, nel suo silenzio, a più di un'ora di cammino dal trambusto del lago.

Itinerario

L’escursione in cima inizia come una passeggiata in paese, conduce sulla strada principale all’altra estremità del villaggio. Sul muro di una casa si scopre il primo segno bianco-rosso con il numero 31, poco dopo il riferimento “Comer, Briano”. Passando per un lavatoio intatto, come in passato era ovunque nei villaggi, si cammina in piano nella foresta tra campi a terrazze. Il sentiero, parzialmente asfaltato, passa attraverso un ruscello e inizia a salire. In un primo momento non c’è quasi nessuna vista, ma un sacco di ombra, che è particolarmente apprezzato in estate. In fondo alla radura, un cartello sulla destra indica l’eremo di San Valentino (772 m). Il prossimo incrocio è subito davanti a noi. Tenere la destra. Il sentiero rosso-bianco che sale a zigzagare nel bosco, conduce sempre direttamente allo sfondamento del muro e offre una vista avvincente fino in fondo. La cima non è troppo lontana, la foresta si sta rasserenando gradualmente e, infine, a 1200 metri sopra la spiaggia di Gargnano, si sta godendo l’incantevole spettacolo in 3D. La discesa conduce prima nella piccola sella forestale alle spalle del Cima Comer (1252 m), poi lasciata piacevolmente ombreggiata per alcuni tornanti in discesa fino al Rifugio A. N. A. Gargnano (1010 m), recentemente ristrutturato. Ora sulla strada asfaltata bene ¼ Std. dolcemente in discesa. A valle (931 m), sotto il Monte Bèdole, si dirama sulla sinistra una strada forestale con il segnavia 38. Scende fino al Sasso.

Inizio dell'itinerario

Sasso (546 m)

Arrivo dell'itinerario

Sasso (546 m)

Parcheggio

Parcheggio in fronte al paese

Trasporto pubblico

Linea bus disponibile

Arrivo

Dall'autostrada del Brennero (uscita "Rovereto Sud - Lago di Garda Nord") a Riva, poi sulla "Gardesana Occidentale" a Gargnano e lungo una serpentina che porta al Sasso.

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Tab per le foto e le valutazioni