I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

20 Da Arlanch a Raossi

Vallagarina-Rovereto
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 20 Da Arlanch a Raossi

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    1:45 h
  • Distanza
    4.0km
  • Dislivello
    150 m
  • Dislivello
    150 m
  • Altitudine Max
    702 m
I corsi d’acqua che attraversano le città sono sempre carichi di storia e fascino; così è per il Torrente Leno che scende dalla Vallarsa e dalla Valle di Terragnolo, creando angoli suggestivi. Nel corso del Settecento e fino alla metà del secolo successivo vi fluitava legname, prevalentemente bore, cioè tronchi di varie grandezze, così come travi semilavorate che confluivano «alle giare» di Rovereto, poi nell’Adige. Oltre a via di trasporto – e non solo di legname – il Leno della Vallarsa rappresentava un’importante fonte di energia per azionare segherie, fucine, molini per i cereali e brillatoi per la decorticatura dell’orzo. I nuclei di Sega e Arlanch, infatti, sono sorti in questo slargo del fondovalle per dar vita a queste attività, edifici in parte oggi recuperati per scopi abitativi.

Itinerario

Dai molini di Arlanch (544 m; dell’omonima famiglia, in funzione fino agli anni ’50), si passa sotto il vòlto di una casa segnata da un affresco religioso popolare (1870). Si supera un’altra pittura devozionale, il capitello di Sant’Antonio (1853) e, oltre la casa un tempo «del fabbro» si continua entrando nel bosco seguendo le indicazioni «Sentiero naturalistico A», che attraversa per tre volte rami del Leno, torrente che deve la sua portata più che agli affluenti alle numerose sorgenti carsiche. All’ultimo «guado» si continua diritti nel bosco fino ad incrociare la strada che sale a Riva di Vallarsa (ore 0.45). Si va invece in giù a sinistra, costeggiando il Lago artificiale della Busa (1957) che raccoglie le acque in uscita della sovrastante diga degli Speccheri, la cui piccola centrale fa parte del complesso idroelettrico di Ala; in alto le case e il campanile di Raossi, che si raggiunge continuando sulla sinistra su strada poi comunale. Lasciata Raossi (724 m), sede comunale di Vallarsa allungata sulla strada statale si scende lungo questa per un centinaio di metri fino a prendere la strada consorziale «La Crosetta» e da qui, tra i vitigni e i terrazzamenti, rientrare ad Arlanch (1 ora).

Variante

Dal bacino artificiale della Busa, si sale a Riva di Vallarsa (716 m; ore 0.20; Bar Ristorante Passo Buole: tel. 0464 869140) dove vale la pena visitare il Museo della civiltà contadina per meglio comprendere la realtà rurale di questa valle tra Otto e Novecento. Due le sezioni: quella agricolopastorale presso l’ex teatro; quella con le ambientazioni di una casa contadina del XIX secolo, del casello presente in quasi ogni frazione di valle, della scuola … presso appunto la vecchia scuola elementare. Si rientra dalla stessa, oppure autobus n. 314 per Rovereto.

Inizio dell'itinerario

Arlanch

Arrivo dell'itinerario

Arlanch

Specificazione

da evitare in giornate piovose o dopo grandi piogge per rischio piene improvvise

Parcheggio

parcheggio ingresso frazione

Trasporto pubblico

da Rovereto-Stazione FS autobus extraurbano nn. 312, 314

Arrivo

da Rovereto sulla S.S. 46 fino ad Arlanch (16,6 km)

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Le più belle gite: Rovereto e dintorni con Gresta, Brentonico, Pasubio e Folgaria

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire