I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

13 Pozzoni 2915 m Passo Altar 2385 m

Giudicarie
medio
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 13 Pozzoni 2915 m Passo Altar 2385 m

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    5:30 h
  • Distanza
    9.6km
  • Dislivello
    460 m
  • Dislivello
    1550 m
  • Altitudine Max
    2872 m
Ampi suoli glaciali, sezioni di ghiacciai e detriti della montagna caratterizzano l’immagine. L'obiettivo è la modesta ma panoramica collina morenica di Pozzoni. Dalla baita un sentiero segnato dalla guerra ancora ben conservato conduce attraverso i gradini (fune metallica) nell'ampio circo glaciale sotto la Vedretta di Niscli. Dopo l'avventuroso attraversamento del torrente su delle funi metalliche tese (all'inizio dell'estate speso ancora un ponte innevato) il sentiero conduce su delle praterie, sezioni glaciali e detriti morenici fino a un grande blocco. Proseguendo dritto il piccolo sentiero conduce attraverso le macerie nella Sella di Niscli, paesaggio selvaggio e solo recentemente priva di ghiaccio con enormi sezioni di ghiacciai, laghetti, campi innevati e macerie. Più avanti, sulla destra, si attraversano i detriti morenici con il panorama della collina di Pozzoni. Una semplice croce di legno vecchio segna il punto più alto. Una visione completa su Carè Alto, Monte Folleto, Corno di Cavento, Crozzon di Lares si apre. Sotto si trova il Lago dei Pozzoni (poco meno di 2900 m), il lago più alto del gruppo dell'Adamello.Si e formato solo negli ultimi anni dal ritiro del ghiacciaio, così che spesso ancora i laghi di Baitone (vedi tour 39/4) sono considerati situati in posizione più alta. Dopo questa escursione nell’arido deserto di pietra si va sul sentiero d’alta montagna verso il passo Altar. Il paesaggio diventa sempre più verde. La rara discesa a sud è un mare di fiori con piccole andane, erba di cotone e popolamenti densi di orchidee. Vicino al Ponte Zucal si raggiunge la salita alla baita.

Itinerario

Prendere il percorso 215 fino allo sbocco della Vedretta di Niscli. Attraversarlo con l'aiuto di una semplice costruzione di corda. Sul buon sentiero che porta ad una pietra marchiata in modo evidente. Proseguire dritto sul sentiero stretto, prestare attenzione alla segnaletica.Infine, dopo aver superato le macerie e le fasce rocciose si entra semplicemente nella Sella di Niscli, a circa 1 ora e mezza dalla baita.A destra, senza sentiero e su detriti morenici sale un po' faticosamente in salita. Dopo un'altro ¼ d’ora si raggiunge la collina Pozzoni. Seguire lo stesso percorso in discesa fino all'incrocio della pietra marchiata, ca. ¾ Std. Da qui seguire le indicazioni ad est. Presto il sentiero 215 diventerà più chiaro. In costante salita e discesa si attraversa la Malga Niscli fino al passo Altar.Dopo il chiaro bivio per il sentiero 215 (vedi indicazioni per il sentiero 10) svoltare a sinistra in Val Genova e scendere per circa 100 metri lungo il crinale. Circa 1 ora dopo il blocco segnaletico si raggiunge un'ampia sella di prato. Qui il piccolo sentiero 215B, segnato da blocchi di legno in rosso-bianco, scende ripidamente sulla destra. Un breve passaggio umido è un po' esposto, ma non difficile. Poco dopo il sentiero raggiunge l'ampia salita alla baita, dal passo circa 1 ¾ d'ora. Proseguire per il sentiero 213 per circa ½ ora fino al parcheggio.

Inizio dell'itinerario

Rifugio Carè Alto (2459 m)

Arrivo dell'itinerario

Rifugio Carè Alto (2459 m)

Parcheggio

Parcheggio Pian della Sega

Trasporto pubblico

Arrivo

Da Pelugo o Borzago in Val Rendena (segnalati) lungo una stradina che attraversa la Val di Borzago fino al parcheggio di Pian della Sega. Salita al Rifugio Carè Alto attraverso il Tour Rifugio Carè Alto.

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

sentres Südtirol

Tab per le foto e le valutazioni