I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

8 L’itinerario del Futurismo

Vallagarina-Rovereto
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour 8 L’itinerario del Futurismo

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    0:15 h
  • Distanza
    0.9km
  • Dislivello
    0 m
  • Dislivello
    0 m
  • Altitudine Max
    206 m
Inaugurato nel 2002 su progetto dell’architetto ticinese Mario Botta con la collaborazione dell’architetto roveretano Giulio Andreolli, il Mart – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto si inserisce scenografico tra i palazzi settecenteschi di corso Bettini, sul quale si affaccia in modo arretrato. L’accesso è dato infatti da una moderna agorà coperta da una cupola in vetro e acciaio e aperta al centro, attorno alla quale il museo s’articola su più piani. La Collezione Permanente è costituita da un patrimonio di opere, in gran parte dedicate al Futurismo (Boccioni, Marinetti, Cangiullo, Diulgheroff, Prampolini, Severini) e alla produzione di Fortunato Depero, che ha stimolato l’acquisizione di Fondi futuristi tra cui i diari di Tullio Crali, gli archivi di Gino Severini, di Carlo Carrà, del roveretano Carlo Belli: attorno ad essi ha preso forma il Centro Internazionale del Futurismo. L’arte del Novecento italiano è rappresentata dalla Collezione Giovanardi, dai Fondi di architettura di Angiolo Mazzoni, Ettore Sottsass sr., Gigiotti Zanini e Luciano Baldessari, gli archivi di Vittore Grubicy (mecenate di Giovanni Segantini) e di Benvenuto Benvenuti, che offrono un valido contributo alla conoscenza del Divisionismo italiano. Diverse sono inoltre le opere di protagonisti della Pop Art americana e di altri artisti legati alla ricerca contemporanea (Collezione Ileana Sonnabend, Collezione Panza di Biumo). Oltre a un piano riservato alle mostre temporanee, offre una biblioteca specializzata sulla storia dell’arte del XX secolo. Proseguendo lungo corso Bettini in direzione piazza Rosmini, si entra in via Orefici, già strada romana, quindi in via Rialto (vi scorreva il Rio Alto) dove le due cariatidi che osservano il cliente entrare nella Cappelleria Bacca, storico negozio (1823) arredato ancora con mobilia dell’epoca, sono state progettate da Fortunato Depero.

Itinerario

Per unire i due poli legati alla creatività del grande artista Depero – Mart e Casa d’Arte Futurista – è stata tracciata la ZonaF, il «Percorso artigianato futurista» (www.zonaf.it visite guidate) dove negozi-laboratorio e botteghe artigiane ammiccano sulle vie con proposte accattivanti: dall’atelier fotografico alla sartoria, dal pastificio, alla corniceria, dal laboratorio di stoffe a quello delle lampade.Invitanti botteghe caratterizzano anche via della Terra, dove un tempo s’apriva l’entrata alla Galleria Museo Depero, oggi Casa d’Arte Futurista Depero con ingresso da via Portici.

Inaugurato nel 1959, il Museo Depero fu il primo museo futurista in assoluto sorto grazie a una convenzione tra l’artista e l’amministrazione comunale di Rovereto. Quest’ultima, infatti, acquisiva l’opera artistica e documentaria di Depero con l’obbligo di esporla nella Galleria Museo, mentre l’artista s’impegnava a sostituire le opere vendute con altre di nuova creazione; gli introiti erano spartiti a metà. Dopo la morte di Depero (1960) l’intera produzione passò al Comune. Depero creò questo museo nella sua interezza, distribuendovi decorazioni sulle pareti nonché mobili a intarsio e riempiendo lo spazio con le sue opere: i dipinti del periodo giovanile quando era in contatto con il mondo internazionale dei Balletti russi di Diaghilev, così come quelli riferiti ai soggiorni newyorkesi; le colorate tarsie in panno come Il corteo della gran bambola o Festa della sedia; le marionette dei Balli Plastici; gli inconfondibili manifesti della pubblicità. Il tutto per descrivere «la ricostruzione futurista dell’Universo» in un ritmo coinvolgente, capace di esaltare il mito della tecnologia e della velocità. L’ultimo piano è occupato da mostre temporanee.

Inizio dell'itinerario

Corso Bettini (Mart)

Arrivo dell'itinerario

Via Portici (Casa d'Arte Futurista Depero)

Specificazione

Mart – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto: Corso Bettini, 43; Rovereto; tel. 0464 438887; call center 800 397760 www.mart.trento.it; chiuso lunedì;sbarrierato; Family in Trentino; caffetteria; book e gift shop; auditorium; laboratori e attività didattica; visite guidate; biblioteca specializzata e mediateca

 

Casa d’Arte Futurista Depero: Via Portici, 38; Rovereto; tel. 0464 431813; www.mart.trento.it; chiuso lunedì; sbarrierato; Family in Trentino; caffetteria; book e gift shop; laboratori e attività didattica; visite guidate; informatizzazione della collezione

Parcheggio

Rovereto

Trasporto pubblico

Arrivo

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Le più belle gite: Rovereto e dintorni con Gresta, Brentonico, Pasubio e Folgaria

Tab per le foto e le valutazioni

Shopping