I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Cima Ortles

Solda Aggiungi alla lista dei preferiti
ritorna

Cima Ortles

Solda

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie
  • Cime

    Monte Upi - Upikopf

    Matsch
  • Cime

    Monte del Cevedale - Zufallspitze

    Stelvio
  • Cime

    Piz Sesvenna

    Malles Venosta
  • Cime

    Piz Lat - Piz Lad

    Curon - Resia in Venosta
  • Cime

    Starlex - Piz Starlex

    Tubre
  • Cime

    Pallabianca - Weisskugel

    Curon - Resia in Venosta
No grazie

Informationen zu Cima Ortles


L'incarico di programmare l'ascesa lo ottenne un certo Johannes Gebhard, il quale partì assieme a due esperti scalatori, Johann Klausner e Johann Leitner, verso Solda. Contadini e cacciatori avrebbero contribuito a trovare un varco verso la vetta. Dopo numerosi insuccessi, si presentò infine il cacciatore Josef Pichler, chiamato Psayrer Josele. Grazie al suo aiuto, si riuscì finalmente, il 27 settembre del 1804, a vincere la vetta da Trafoi, attraverso un percorso trai più difficili delle rotte esistenti. La strada normale oggi maggiormente percorsa porta dal Rifugio di Costa Tabaretta (in ted. Payerhütte, 3020 m) alla cima in circa 4-5 ore.

Già nel 1774 l'Ortles era conosciuto per essere la vetta più alta dell'Alto Adige e dell'impero austro-ungarico. Fu proprio su commissione dall'Arciduca Giovanni d'Austria, che la cima venne scalata per la prima volta nel 1804

Alloggi consigliati

Dove dormire

Natura

Cultura

Altrui

Escursionismo

Alpinismo

Inverno

Alla Homepage