I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Tempo libero

Vino & Specialità

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Cima Libera - Wilder Freiger

Racines Aggiungi alla lista dei preferiti
ritorna

Cima Libera - Wilder Freiger

Racines

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie
  • Le cime delle Odle al tramonto. Il bagliore rossastro è famosa nel mondo, almeno in Alto Adige.
    Cime

    Il Gruppo delle Odle

    Funes
  • Camminata in Val Fleres con il Tribulan in vista.
    Cime

    Tribulaun

    Brennero
  • Cime

    Gran Pilastro - Hochfeiler

    Val di Vizze
  • La stagione invernale offre varie possibilità di escursioni intorno al Sasso della Putia.
    Cime

    Sas de Pútia - Peitlerkofel

    Luson
  • Cime

    Punto di Montecroce

    Racines
  • Il Pan di Zucchero. 
    Cime

    Cima del Prete e Pan di Zucchero - Zuckerhütl

    Racines
No grazie

Informationen zu Cima Libera - Wilder Freiger

La cima di 3418 m sul confine con l’Austria e l’Italia si lascia scalare da molteplici lati e in diversi modi: arrampicata, pendii e pareti ghiacciate – un’ascesa tanto drammatica quanto la vista che vi si proporrà sulla vetta. Un mare di crinali e nuvole. Un panorama a 360 gradi. La visuale spazia dalle Dolomiti al Gruppo dell’Ortles, dalle Alpi della Ötztal fino alle Alpi Aurine. Chi volesse percorrere l’ascesa in due tappe, può dormire in uno di rifugi sulla strada. Tra questi, il più famoso è sicuramente il Rifugio Albergo “Regina Elena” (“Becherhaus”, in tedesco). Da qui, per raggiungere la vetta, basta solo attraversare una lingua morta del ghiacciaio. Ciò non necessita di attrezzatura. In meno di un’ora, il punto più alto è conquistato. La prima ascesa fu allora molto più difficile. F. Leis assieme a due compagni sconfissero per primi la Cima Libera nel 1865.

In mezzo alle Alpi Breonie, si erge la Cima Libera, teatro di numerose avvenutre alpine

Natura

Bici

Inverno