I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Chiesa parrocchiale di S. Valburga nella Val d’Ultimo

Ultimo
Aggiungi alla lista dei preferiti

Chiesa parrocchiale di S. Valburga nella Val d’Ultimo

Ultimo

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie

Informationen zu Chiesa parrocchiale di S. Valburga nella Val d’Ultimo

La chiesa parrocchiale di S. Valburga è menzionata per la prima volta in un atto del 1278 dal papa Niccolò III. Presumibilmente si trovava un santuario ancora più vecchio allo stesso punto. Dall’impianto originario romanico sono rimasti la parte orientale del muro della casa lunga e il campanile che ha quattro finestre e lesene antistanti alla muratura. Il tetto è coperto con scandole legnami.

L’arredamento dell’interno della chiesa è soprattutto dello stile barocco. L’altare alto ha una raffigurazione dell’assunzione di S. Valburga che è stata una missionaria nell’ottavo secolo. I muri della chiesa sono decorati dagli affreschi del pittore meranese Peter Fellin dall’anno 1947. Attorno alla chiesa si è formato l’abitato e la chiesa si trova all’ingresso del paese fino oggi. Nel 1659 è nominata di essere una parrocchia temporale. Dopo un terremoto negli anni settanta del Novecento, la chiesa parrocchiale S. Valburga è stata danneggiata gravemente e quindi assicurata con colonne di granito.

La chiesa S. Valburga è stata costruita nel dodicesimo secolo. La casa di dio si trova all’ingresso del paese.

Natura

Città

Inverno