I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Castel Wolfsthurn - Tordilupo

Racines Aggiungi alla lista dei preferiti
ritorna

Castel Wolfsthurn - Tordilupo

Racines

Per ulteriori informazioni sulla privacy su sentres cliccare qui

Grazie per la richiesta

Ci sono ulteriori alloggi nelle vicinanze che potrebbero interessarti. Desideri inviare comodamente con un clic una richiesta non impegnativa agli alloggi elencati in seguito?

No grazie
  • Vecchio ma ben tenuto, il Palazzo imperiale di Bressanone.  
    Castelli

    Palazzo imperiale di Bressanone - Hofburg Brixen

    Bressanone
  • La Chiusa di Rio Pusteria, l'imbocco est della Val Pusteria.
    Castelli

    Chiusa di Rio Pusteria

    Rio di Pusteria
  • Il Castel Forte.
    Castelli

    Castel Forte - Trostburg

    Ponte Gardena
  • Un fossato orofondo e mura alti, il Castel Rodéngo.
    Castelli

    Castel Rodéngo - Schloss Rodenegg

    Rodengo
No grazie

Informationen zu Castel Wolfsthurn - Tordilupo

“Il castello più bello del Tirolo” – così lo storico Joh. Nep. Tinkhauser definì Castel Wolfsthurn. E difatti, da una dolce collina, si rivela ai visitatori uno prodigioso castello. Al centro di un ampio cortile campeggia una fontana a getto. Le facciate presentano ineccepibilmente 365 vetrate. Anche gli interni del castello regalano ai visitatori scenari di magnifiche spazialità. Gli alti soffitti della sala da ballo al secondo piano sono corredati di scintillanti lampadari di cristallo. Le pareti delle due sale da caccia, sono ricoperte da arazzi riccamente decorati, raffiguranti le battute di caccia tenute dall’aristocrazia. L’antica mobilia, dipinti e pesanti tendaggi appartengono all’inventario originale del palazzo, e trasportano il visitatore direttamente nel XVIII. e XIX. secolo. Il nome del castello, nella sua versione tedesca, Wolfthurn, deriva dal suo antico proprietario, Rudolfus Lupus, a cui, nel 1242, i Conti del Tirolo diedero Castel Wolfsthurn come feudo: Wolf significa infatti “lupo”. Le origini del castello non sono note. Nel 1727 il castello venne acquisito dalla famiglia nobiliare degli Sternbach di Brunico, alla quale appartine ancora oggi. Fu Franz Andreas von Sternbach a trasformare, tra il 1727 e il 1741, il castello nell’unico palazzo in stile barocco dell’intero Tirolo.

Unico castello barocco dell'Alto Adige, Castel Wolfsthurn costituisce un prezioso ed elaborato inventario che consente di intravedere lo stile di vita della nobiltà dell'epoca

Alloggi consigliati

Natura

Cultura

Escursionismo

Alpinismo

Inverno

Alla Homepage