I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Caldaro s.s.d.v.

Figli di Dio

A volte piatto come uno specchio, altre volte mosso e ondoso, il lago di Caldaro è situato in un paesaggio dominato dai coltivatori di frutta. Come innumerevoli puntini colorati, nel lago si avvicendano barche da pesca, surfisti e nuotatori. Quando il sole, le nuvole e l’antico Castelchiaro, chiamato comunemente Leuchtenburg, si specchiano nell’acqua, è chiaro che tutti coloro che pensano a Caldaro hanno in mente il lago.

Questo lago ha dato il nome ad un vino rosso fruttato e leggero. Insieme ad altri vini della regione, il vino "Lago di Caldaro" gode di un riconoscimento internazionale. In occasione di numerosi eventi e feste ogni assaggio diventa un’avventura sensuale. Caldaro significa vivere il piacere del vino.

Come onde verdi i vigneti accarezzano il paese di Caldaro che si estende fino al massiccio della Mendola. Il paesaggio uniforme di viti si presenta come una scacchiera. Il vino qui non caratterizza solo i paesaggi, la vita quotidiana e la cultura – anche l'architettura è sempre stata radicata in questo ambiente. Gli storici, scuri scantinati a volte fanno parte di ogni podere.

Negli ultimi anni il paese ha osato una linea più offensiva in termini architettonici. Già all'ingresso del paese, il Winecenter accoglie i visitatori. L’edificio si presenta sbieco,  inclinato e contorto, con un rivestimento di pannelli in cemento-fibra rosso scuro e invita a scoprire una novità ed a gustare qualcosa di nuovo.

Il museo del vino nel centro del paese è caratterizzato dall’antico, ossia dalla storia culturale della viticoltura. Strumenti tradizionali, torchi, botti di fermentazione, bottiglie e bicchieri offrono uno scorcio temporale del lavoro dei contadini nel passato.

Vicino al museo si trova la piazza del mercato lastricata, con la sua fontana barocca dedicata alla Vergine Maria. Le facciate di dimore nobili, case di artigiani e aziende vitivinicole si trovano adagiate l’una affianco all’altra. Sotto gli ombrelloni e le tettoie si incontrano gli ospiti delle caffetterie. L’aria sa di sole sulla pelle calda, di caffè aromatico, di fiori – Caldaro offre un’atmosfera di piccola cittadina.

Con i loro “Erker”, ossia i bovindi tipici, e gli affreschi ornamentali si presentano i palazzi storici che determinano l'intera atmosfera del villaggio. Le cime dei cipressi e cespugli di oleandro sporgono da dietro le mura e lasciano immaginare  parchi fioriti nei cortili interni.

Le campane risuonano con tono grave e sordo nel campanile della chiesa parrocchiale dell’Assunta. All'interno, sul soffitto della chiesa si trovano dipinti colorati dell’artista Joseph Schöpf. Ogni frazione del paese può sfoggiare la sua chiesa molto personale. I cosiddetti "Figli di Dio", dunque,  rendono onore al loro nome.

Alla Homepage