I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Presanella e Val d'Amola (al Rifugio Giovanni Segantini)

Giudicarie
medio
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Presanella e Val d'Amola (al Rifugio Giovanni Segantini)

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    4:30 h
  • Distanza
    4.3km
  • Dislivello
    360 m
  • Dislivello
    360 m
  • Altitudine Max
    2368 m
Una camminata ai piedi della Presanella, tra due torrenti diversi tra loro, per arrivare ad un rifugio accogliente e ricco di fascino in un ambiente di alta montagna. L’occasione giusta per imparare a conoscere e ad amare le valli glaciali, sempre accompagnati dai giochi dell’acqua. È una gita in alta quota, quindi vanno evitati i periodi primaverili e autunnali in cui potrebbe fare troppo freddo ed il rifugio essere chiuso.

Itinerario

Si lascia l’automobile alla Malga Vallina d’Amola alla quale si arriva percorrendo la strada della val Nambrone. La strada dopo il ponte sul Sarca di Nambrone sale piuttosto ripida e con numerosi tornanti sino al bivio dei laghi di Cornisello. Prendere a sinistra sino al parcheggio. Dal parcheggio (2.064 m) di Malga Vallina d’Amola si inizia a camminare sul ripido sentiero segnavia n° 211, che sale con una lunga serie di ripidi tornanti. Lo scenario è davvero unico poiché sulla nostra destra scende impetuoso e spumeggiante con una serie di cascate il torrente che porta a valle le acque dell’alveo del Sarca d’Amola. Sotto di noi, nella piana di Malga Vallina, si raccolgono in ampie anse le acque di fusione dei ghiacciai. I due torrenti si uniscono formando poi il Sarca di Nambrone. Salendo sul sentiero si guadagna rapidamente quota per giungere sino alla cresta camminando lungo la quale si giunge ai 2.373 m del rifugio, anzi ai due rifugi. Infatti a fianco del primo cubo, rimasto originale se non ammodernato internamente, la SAT, nel 1977 ha costruito un nuovo edificio poi ulteriormente ristrutturato nel 1991. Il primo rifugio, che venne eretto dalla SAT nel 1900, venne dedicato alla memoria del grande pittore nativo di Arco Giovanni Segantini che, con la sua pittura, nobilitò non solo l’arte, ma anche la montagna. Questo edificio viene ora usato solo come dormitorio. Un tempo il Segantini era punto di appoggio molto importante poiché, non esistendo la strada della Val Nambrone, per arrivare in Presanella si doveva partire a piedi dai 938 m del ponte sul Sarca. La camminata è di circa un’ora e 15 minuti, costantemente accompagnata dalle sonorità dell’acqua che in grande quantità scorre nei torrenti della zona. E questo è uno degli elementi che più affascinano i piccoli esploratori. Il ritorno, lungo la stressa strada, richiede un’ora di cammino.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio Malga Vallina

Arrivo dell'itinerario

Rifugio Segantini

Parcheggio

Parcheggio Malga Vallina

Trasporto pubblico

Arrivo

Da Pinzolo si sale per la strada che porta a Madonna di Campiglio; a sinistra deviazione per la Val Nambrone; si sale sino al parcheggio

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Trekking con i bambini. 28 itinerari per i più piccoli tra le montagne del Trentino

Tab per le foto e le valutazioni